Come promesso nell’articolo precedente 15 giorni in Giappone: itinerario giorno per giorno e sistemazioni, oggi vi vorrei dare qualche consiglio pratico per organizzare al meglio il vostro viaggio in Giappone e sfatare alcuni falsi miti. Di seguito trovate un elenco con i suggerimenti su quando andare, dove alloggiare, come spostarsi e soprattutto quanto costa.

Quando andare in Giappone

Io personalmente ho scelto di andare in primavera perché da sempre immagino il Giappone colorato dal rosa dei ciliegi in fiore. Per riuscire ad assistere all’Hanami, la fioritura dei ciliegi appunto, il periodo migliore è quello di fine marzo e inizio aprile. Tenete presente però che essendo un fenomeno naturale non è possibile prevedere con esattezza i giorni esatti. Avendo prenotato i voli con più di sei mesi di anticipo, sono arrivata con una settimana di ritardo quindi non sono riuscita ad assistere alla massima fioritura. Nonostante la grandissima delusione iniziale (e le continue lamentele che tutti si sono dovuti sorbire prima della partenza), a parte a Tokyo, sono sempre riuscita a vederli e ammetto che una volta lì i sakura sono anche passati in secondo piano. Tenete presente che il clima è come da noi, quindi visto che in primavera il tempo è sempre un po’ instabile è meglio portare anche abiti pesanti e qualche anti-pioggia perché quando piove o quando si alza il vento l’aria diventa veramente gelida. Se volete organizzare il viaggio in base alla fioritura dei ciliegi vi consiglio di dare un’occhiata al sito ufficiale giapponese che riporta le previsioni zona per zona. Visitare il Giappone in questo periodo, al di là della bellezza dei fiori che rendono tutto un po’ più magico, permette di assistere anche ad una serie di eventi e manifestazioni che si svolgono proprio per celebrare i ciliegi in fiore.

Dove alloggiare

In base alla mia esperienza, mi sento di consigliarvi di scegliere hotel nei pressi delle stazioni. Oltre ad essere facilmente raggiungibili, sono anche comodi per gli spostamenti in città e per le gite di una giornata nei paesi vicini. Risparmierete così tantissimo tempo perché essendo già in stazione, dovrete semplicemente andare al binario o alla fermata del pullman che dovete prendere. Inoltre, in zona stazione, ci sono sempre anche gli uffici d’informazione e molti bar e ristoranti sempre comodi se la sera si è stanchi e non si ha voglia di allontanarsi troppo.

Da provare assolutamente sono anche le ryokan, ovvero le locande tradizionali con i pavimenti in tatami e le porte scorrevoli dove farsi coccolare dall’incredibile ospitalità giapponese. E’ un’esperienza secondo me imprescindibile per scoprire un po’ di più la cultura nipponica e anche per recuperare le energie immersi magari in una onsen, ovvero le sorgenti termali naturali che molto spesso sono presenti nelle ryokan, di cui trovate approfondimenti qui.

Tenete presente che le dimensioni delle stanze sono quelle standard giapponesi: molto molto piccole. Non vi spaventate quindi se vi ritrovate a fare le acrobazie per scavalcare la valigia e raggiungere il letto o il bagno perché queste sono le misure normali di qualsiasi abitazione giapponese.



Booking.com

Come arrivare e come muoversi

Ci sono varie compagnie che operano la tratta Italia – Giappone. Essendo il mio un viaggio itinerante ho deciso di arrivare a Tokyo e ripartire poi dall’aeroporto di Osaka Kansai, più vicino ad Osaka appunto e quindi a Kyoto. Avendo prenotato i biglietti con largo anticipo ho trovato un’offerta interessante con Emirates con cui poi ho viaggiato. Lo scalo è a Dubai e le ore di volo sono circa 6 da Milano a Dubai e altre 10 circa da lì al Giappone. Mettete quindi in conto, tra andata e ritorno, quasi 4 giorni “persi” per il viaggio.  Avevo valutato anche un’offerta molto buona di Finnair e dato un’occhiata ad Alitalia, molto allettante perché effettua voli diretti ma anche molto più costosi soprattutto se gli aeroporti di arrivo e partenza sono diversi.

Una volta arrivati in Giappone, poi, il modo migliore per spostarsi è utilizzare i mezzi pubblici, in particolare i treni. Molto conveniente e comodo è il Japan Rail Pass, di cui trovate tutte le informazioni sul mio post 5 cose fondamentali per un viaggio in Giappone, che vi permette di prendere quasi tutti i treni delle ferrovie giapponesi, compresi quelli da e per gli aeroporti, ad un prezzo davvero interessante che varia in base ai giorni di utilizzo.

Quanto costa

Quando si pensa al Giappone, di solito, lo si etichetta come una meta cara. Certo, il costo del volo è mediamente alto e bisogna mettere in conto anche quello per gli spostamenti interni, sia che si decida di spostarsi in treno o che si opti per i pullman. Vi posso però dire che non è così caro come si crede: per il cibo, infatti, si possono trovare ristoranti veramente a buon prezzo, che offrono magari i menù completi per pranzo o cena. Considerate poi che quasi ovunque avrete a disposizione gratuitamente l’acqua, o il tè nei locali più tradizionali, che vi riempiono in continuazione ed è una cosa che consente di risparmiare un po’.  Anche per gli alloggi c’è una grandissima scelta per tutte le tasche: volendo ci sono anche i “capsule hotel” in cui si dorme in delle stanze minuscole che a me ricordano più dei loculi ma che sono molto economici. Inoltre, ci sono anche tantissime attrazioni gratuite, che vi permetteranno di visitare posti incredibili a costo zero. Nel mio itinerario dettagliato a Tokyo ne potete trovare alcune. Credo che l’essere caro sia sempre soggettivo e che dipende dai gusti e dalle esigenze di ognuno: essendo un paese molto moderno e all’avanguardia le scelte sono infinite e quindi anche i prezzi variano in base a cosa si vuole.

E con la lingua come si fa?

Un altro “ostacolo” che spaventa di solito quando si sta pensando ad un viaggio in Giappone è la lingua. Confesso che prima della partenza mi sono chiesta anche io più di una volta come avrei fatto a capire come muovermi o che treno prendere visto che i caratteri giapponesi per me sono solo bei simboli. Poi mi tranquillizzavo dicendomi che se avessi avuto difficoltà avrei sempre potuto chiedere informazioni in inglese, come faccio di solito. Niente di più sbagliato. In realtà, l’inglese potete anche non saperlo perché sono veramente in pochi quelli che lo capiscono e che vi sapranno rispondere. In compenso però muoversi è veramente semplice: l’organizzazione e la precisione maniacali giapponesi si vedono anche in questo. Tutti i cartelli infatti riportano anche i nomi con il nostro alfabeto e sono talmente schematici che è praticamente impossibile sbagliare. Se doveste essere in difficoltà poi, nonostante la barriera della lingua, troverete sempre qualcuno pronto ad aiutarvi e a gesti si arriva ovunque.

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (No Ratings Yet)
Loading...