Non avevo grandi aspettative per Kanazawa, città ai piedi delle Alpi Giapponesi. Ammetto di averla scelta principalmente come tappa intermedia perché comoda per raggiungere il villaggio patrimonio dell’Unesco di Shirakawa-go e Takayama. Quando sono arrivata, quindi, pensavo di trovare ad aspettarmi una grande città con buoni collegamenti ai mezzi pubblici, qualche edificio moderno e poco altro. E invece devo dire che mi ha lasciato completamente a bocca aperta. Kanazawa è sicuramente una piccola perla giapponese, perfetta da girare a piedi in una giornata. Io me ne sono innamorata e mi dispiace aver avuto solo una giornata a disposizione per scoprirla, anche perché la dea bendata ha deciso di non assistermi in quest’occasione e mi sono ritrovata ad affrontare un vero diluvio che ha un po’ rovinato i piani. Per visitare le attrazioni principali, secondo me, due giorni sono sufficienti per riuscire a far tutto con calma. Ma ecco il mio personale itinerario e mi raccomando tenete sempre in borsa un impermeabile o un ombrello perché sembra che Kanazawa sia un po’ la Londra della situazione, con la differenza che qui la pioggia vien giù proprio a secchiate.

Come arrivare – Stazione di Kanazawa

Kanazawa StationCome vi dicevo, Kanazawa è ottimamente collegata con gli Shinkansen a Tokyo ma è anche comoda per raggiungere in pullman sia Takayama che Shirakawa-go. La stazione quindi è il punto migliore da cui cominciare l’esplorazione della città. Se avete il JR Pass poi sappiate che potete prendere gratuitamente la linea bus JR che collega i principali punti della città. Prima di prendere il pullman però fermatevi un attimo ad osservare l’enorme tori in acciaio situato proprio all’ingresso, un’idea originale che spiega perfettamente lo spirito moderno ma ben ancorato allo stile tradizionale del periodo Edo che la contraddistingue. All’interno della stazione, oltre al Tourist information Office dove prendere le mappe (che vi lascio anche qui così potete già farvi un’idea), troverete anche tantissimi ristorantini a buon prezzo e anche molti negozi.

Nagamachi – Il quartiere dei Samurai

Nomura Samurai House Kanazawa

Come prima tappa, vi consiglio di scendere alla fermata Korinbo e di dirigervi a piedi verso il quartiere dei Samurai. Camminate senza meta per le stradine acciottolate su cui si affacciano tantissime e bellissime case tradizionali in legno che nascondono al loro interno i meravigliosi giardini zen. Io cercavo di sbirciare in ogni piccolo spiraglio dei cancelli per cercare di vedere gli interni. D’obbligo è la visita alla casa-museo del Samurai Nomura: un’abitazione tradizionale in cui sono conservati ancora tutti gli interni e soprattutto il giardino nel cortile interno della casa. E che giardino. Io ci ho lasciato il cuore. E’ aperta tutti i giorni dalle 08.30 alle 17.30 (dalle 08.30 alle 16.30 da Ottobre a Marzo) e il prezzo è di 550 yen, a mio avviso ben spesi.

Nomura Samurai House Kanazawa

Castello di Kanazawa e Giardini Kenroku-en

Castello di KanazawaProseguite poi a piedi verso il Castello di Kanazawa di periodo Edo che riconoscerete subito perché appare spesso nelle immagini e nelle cartoline giapponesi. Ma è di fianco al castello che si trova l’attrazione forse più famosa di Kanazawa: i Giardini Kenroku-en. Definiti, a ragione, i giardini più belli di tutto il Giappone coprono una superficie di ben 11,4 ettari e sono stati curati per generazioni dalla potente famiglia Maeda che ha governato le prefetture di Toyama e Ishikawa e quindi, Kanazawa.Sono aperti tutti i giorni dalle 7 alle 18 (dalle 8 alle 17 dal 16 ottobre al fine di febbraio) e il costo è di 310 yen.

Kenrokuen Garden Kanazawa

Quartiere Higashi – Chaya e Geishe

Concludete poi la visita della città, al tramonto, andando indietro nel tempo e passeggiando per il quartiere delle Chaya, le case da tè, dove le Geishe intrattenevano gli ospiti con i loro canti e le loro danze. Le vie conservano ancora tutto il loro fascino ed è davvero magico passeggiare tra gli edifici in legno e lungo il fiume. Merita una visita la casa-museo Ochaya Shima (aperta dalle 09 alle 18, ingresso 500 yen), in cui con un supplemento potete anche gustare un matcha.

Cafe Tamon Kanazawa
Io personalmente vi consiglio di proseguire e di andare invece fino al  Cafe Tamon, di fronte al quale si trovano i migliori pancakes che io abbia mangiato in Giappone. Sembra una casa come un’altra e in realtà è un locale molto carino che serve tè e dolci deliziosi fatti al momento. Attenzione però perché qui sia i negozi che i locali alle 18 chiudono quindi se dovesse andarci di sera rischiate di trovare tutto chiuso.

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (2 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...