fbpx

Checked - In

Checked - In

Racconti e pensieri di una girovaga sognatrice alla scoperta del mondo e di se stessa

Autore: Checked ✓ In

Shakespeare and Company Parigi: la libreria in cui si può dormire tra gli scaffali pieni di libri

C’è un posto magico a Parigi per tutti gli amanti dei libri. Un gioiello nascosto, colmo di libri di ogni genere proprio nel cuore della capitale francese. Il suo nome…

C’è un posto magico a Parigi per tutti gli amanti dei libri. Un gioiello nascosto, colmo di libri di ogni genere proprio nel cuore della capitale francese. Il suo nome è Shakespeare and Company e si tratta di una libreria molto particolare (recentemente è comparsa anche nel film Midnight in Paris di Woody Allen). Al suo interno, infatti, troverete solo volumi in lingua inglese, fatto insolito per una libreria che si trova a pochi passi dalla cattedrale di Notre Dame, uno dei simboli più conosciuti della Francia e del suo noto orgoglio patriottico. La seconda cosa che la rende unica è che, sin dalla sua apertura nel 1951, è diventata un punto di riferimento per i lettori e i viaggiatori di tutto il mondo che, qui, oltre ad immergersi tranquillamente nella lettura, possono anche trovare ospitalità per la notte nei letti disposti tra gli scaffali colmi di libri.

Shakespeare and Company

Libreria Shakespeare and Company: la storia

Ho creato questa libreria nel modo in cui un uomo scriverebbe un romanzo, costruendo ogni stanza come se fosse un capitolo.

Voglio che le persone aprano la porta nello stesso modo in cui aprono un libro; un libro che porta nel mondo magico della loro immaginazione.

George Whitman, americano d’origine, arrivò a Parigi negli anni subito dopo la Seconda Guerra Mondiale per studiare alla Sorbonne. Ma, come capita spesso, si innamorò perdutamente di Parigi e decise di non lasciarla più. Da sempre amante dei libri e della poesia, durante i primi anni nella capitale francese aveva l’abitudine di lasciare la porta del suo appartamento aperta per permettere a chiunque, soprattutto ai veterani di guerra, di entrare e leggere i suoi  numerosissimi libri come modo per evadere per qualche ora dalla realtà e come rimedio per i loro problemi legati ai crudi ricordi di guerra.

George Whitman

Fonte 3Quarks Daily

E fu proprio con la sua collezione personale composta da circa 1000 volumi che, nel 1951, decise di aprire una libreria al civico 37 di rue de la Bûcherie, considerata il “chilometro zero” da cui partono tutte le strade francesi. Appena aperta, la libreria si chiamava Le Mistral, nome che Whitman cambiò nel 1964 , il quattrocentesimo anniversario della morte di William Shakespeare. Il nome attuale è stato scelto in onore di Sylvia Beach, la fondatrice della prima Shakespeare and Company, aperta nel 1919 al 12 di rue de l’Odéon e costretta a chiudere a causa dell’occupazione nazista nel 1941 (la Beach stessa fu deportata in un campo di concentramento). La libreria è stata da sempre un punto di incontro per gli scrittori espatriati del tempo ma anche un luogo di riferimento per gli intellettuali francesi. Tra i personaggi che sono passati dalla Shakespeare and Company si possono contare Joyce, Hemingway, Stein, Fitzgerald, Eliot, Pound  ma anche Allen Ginsberg, William Burroughs, Anaïs Nin, Richard Wright, William Styron, Julio Cortázar e tanti altri. Questa piccola libreria indipendente è stata anche la prima a pubblicare l’Ulisse di James Joyce.

shakespeare & company

Whitman si è preso cura della sua preziosa libreria per tutta la sua vita e l’ha resa davvero un’opera d’arte come lui stesso la descriveva. Ora ad occuparsene sono la figlia, Sylvia Beach Whitman, e il suo compagno, David Delannet.

Tumbleweed: dormire tra i libri della Shakespeare and Company è possibile

Mi rivedo molto in George Whitman perché, fin da giovane, è sempre stato un lettore appassionato e un viaggiatore curioso. Durante la Grande Depressione, all’età di circa 20 anni, Whitman decise di attraversare gli Stati Uniti da un’estremità all’altra fino a raggiungere il Messico. Con sé aveva solo 40 dollari e tanti sogni, come ogni buon viaggiatore che si rispetti. Da solo, con pochissimi fondi, il giovane libraio si dovette affidare solo alle sue forze e alla gentilezza delle popolazioni locali. Ed è proprio questo l’aspetto che lo colpì maggiormente: ovunque andasse le persone lo accoglievano e lo aiutavano come potevano, offrendogli vitto e alloggio o semplicemente compagnia e consigli. Addirittura, una volta, in una parte isolata dello Yucatan si sentì talmente male da non poter più proseguire. Venne trovato in serie difficoltà da una tribù Maya che lo aiutò e lo guarì senza chiedere nulla in cambio.

Fu proprio l’accoglienza e la gentilezza disinteressata delle persone che incontrò durante il suo lungo viaggio che gli ha ispirato quella che divenne poi la sua filosofia:

Be not inhospitable to strangers lest they be angels in disguise. 

Non siate inospitali con gli sconosciuti potrebbero essere angeli sotto mentite spoglie. 

Ancora oggi, al secondo piano della libreria, fa bella mostra questa frase che, secondo me, soprattutto ai giorni nostri, è estremamente attuale e andrebbe presa ad esempio più spesso.

shakespeare and company

Whitman cercò di mettere in pratica questo suo stesso consiglio e, per questo, decise di aprire la sua libreria a viaggiatori, scrittori, intellettuali e amanti dei libri in cerca di ospitalità per la notte. Desiderava che la sua libreria avesse un forte senso di ospitalità e di comunione, tanto da descriverla come un progetto di “utopia socialista mascherata da libreria“. Sin dalla prima apertura della libreria, circa 30000 Tumbleweeds (letteralmente “rotolacampi”, sono delle piante molto particolari che di inverno si staccano dalle loro radici e rotolano, formando una palla, per i campi sospinte dal vento), come Whitman li chiamava simpaticamente, hanno dormito tra gli scaffali di libri della Shakespeare and Company. Pensate che anche Geoffrey Rush, uno dei miei attori preferiti, ha dormito sui piccoli letti della libreria.

Ma, udite udite, le porte della libreria aprono ancora oggi ai viaggiatori/lettori. Le regole per poter passare una notte alla Shakespeare and Company sono molto semplici: ad ogni Tumbleweed è richiesto di leggere almeno un libro al giorno, aiutare nel negozio per qualche ora e scrivere un’autobiografia di una pagina alla macchina da scrivere della libreria su una particolare carta celeste. I racconti di vita appartenenti a viaggiatori di tutto il mondo sono stati raccolti in un enorme archivio e sono a disposizione di tutti i nuovi Tumbleweeds. Un bel ricordo di chi è passato da questa piccola libreria indipendente. Le prenotazioni, mantenendo inalterato il senso del viaggio “all’avventura”, non sono accettate. Per scoprire se c’è posto, dovrete recarvi personalmente e confidare nella buona sorte.

Ma non disperate, nel caso non ci fosse posto, potete comunque rilassarvi nella caffetteria proprio di fianco alla libreria e sempre di sua proprietà.

Shakespeare and Company

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...
Nessun commento su Shakespeare and Company Parigi: la libreria in cui si può dormire tra gli scaffali pieni di libri

Dove dormire a Parigi: camera con vista all’Hotel Gavarni

Quando si sta organizzando un viaggio a Parigi, ci si accorge ben presto che le strutture a disposizione sono veramente tantissime. Tra hotel, b&b, appartamenti e ostelli la scelta è…

Quando si sta organizzando un viaggio a Parigi, ci si accorge ben presto che le strutture a disposizione sono veramente tantissime. Tra hotel, b&b, appartamenti e ostelli la scelta è davvero ampia e può essere complicato decidere in quale soggiornare.

Ovviamente molto dipende dalla tipologia di alloggio che state cercando ma anche, e soprattutto, dalla zona in cui volete stare. Dovete pensare, infatti, che Parigi è grande e, per quanto i mezzi di trasporto siano comodi ed efficienti, è bene valutare l’aspetto della vicinanza quando si prenota un hotel. Mi è già capitato di sentire pareri molto negativi di persone che sono state a Parigi legati proprio alla lontananza dalle zone centrali e più turistiche degli alberghi che avevano prenotato. E questo perché magari, visti i prezzi allettanti che si trovano in rete, ci si ferma alle prime offerte che si trovano senza leggere dove si trova la struttura.

dove dormire a parigi hotel gavarni

Le cose da verificare sono principalmente due: la vicinanza alle zone di interesse in base all’itinerario che volete seguire (qui trovate il mio itinerario di 4 giorni) e quella alla metro. Se trovate un hotel vicino ad una fermata della metro, avrete la comodità sia nello spostarvi durante la vostra permanenza senza fare chilometri a piedi sia nel raggiungere gli aeroporti e le stazioni dei treni e dei pullman.

Photo taken with Focos

Durante la mia prima esperienza parigina, avevo scelto per motivi logistici un hotel prima e un appartamento poi nel XII arrondissement, a pochi passi da Place d’Italie e dall’omonima fermata della metro. Per quanto sia un quartiere molto interessante e poco o nulla frequentato dai turisti, ve ne ho parlato qui, non è una delle soluzioni migliori se avete a disposizione solo qualche giorno e volete visitare le zone più turistiche. Per raggiungere la Tour Eiffel, ad esempio, impiegherete infatti più di mezz’ora in metro. Se parliamo di Montmartre poi i tempi si allungano ulteriormente.

I quartieri, secondo me, da preferire per un viaggio di qualche giorno a Parigi sono i seguenti:

  • XVI e VII arrondissement: Tour Eiffel, Trocadéro, Champ de Mars, Museo D’Orsay;
  • I arrondissement: Louvre, Giardini delle Tuileries, Rue de Rivoli;
  • VIII arrondissement: Arco di Trionfo, Place de la Concorde, Champs – Elysées;
  • IV arrondissement: cattedrale di Notre-Dame, le Marais;
  • XVIII arrondissement: Montmartre, basilica del Sacro Cuore. E’ un quartiere ben collegato ma comunque abbastanza distante dagli altri luoghi di interesse. Io, personalmente, anche se molto particolare e caratteristico non lo scegliere per soggiornare.

Dove dormire a Parigi: la mia esperienza all’Hotel Gavarni

Durante il mio ultimo viaggio a Parigi ho scelto proprio un hotel vicinissimo alla Tour Eiffel, nel cuore del XVI arrondissement: l’Hotel Gavarni. Si trova a pochi passi dalla fermata della metro Passy che vi permetterà di raggiungere in poco tempo tutte le zone principali della città. Inoltre, si trova a meno di 5 minuti a piedi dal famoso ponte di Bir-Hakeim da cui si ha una splendida vista sulla Tour Eiffel e sulla Senna.  Si tratta di un quartiere molto tranquillo ed elegante, in cui potete trovare con facilità qualsiasi tipo di ristorante e bar. Nella via perpendicolare all’Hotel Gavarni, ci sono infatti una serie di negozi ma anche di bistrot e bar (anche take-away).  Io l’ho prenotato direttamente su Booking.com di cui vi lascio qui sotto il collegamento diretto.



Booking.com

Le camere sono in stile tipicamente francese e, anche se di dimensioni contenute, sono molto comode e funzionali. Si distribuiscono su 5 piani, collegati dall’ascensore e hanno tutte un nome diverso, cosa che ho trovato molto originale e più personale rispetto ai soliti numeri anonimi. L’aspetto più bello è stato che dalla mia camera (la Trianon) si vedeva dal balcone la Tour Eiffel (l’aveva scelta apposta Francesco per farmi una sorpresa) e devo dire che la camera con vista non ha davvero prezzo.

Se volete organizzare un weekend romantico per la/il vostra/o amata/o, dopo aver effettuato la prenotazione, è possibile contattare l’hotel e far preparare una piccola sorpresa che troverete ad attendervi all’arrivo: potete scegliere tra i romanticissimi petali di rose sparsi sul letto, un cesto di frutta fresca da condividere e dello champagne. Di sera, con la torre illuminata, è davvero la quintessenza del romanticismo.

Un altro servizio disponibile è quello della colazione che ho trovato davvero squisita. Dovete sapere che l’Hotel Gavarni è il primo hotel indipendente di Parigi ad aver ricevuto il riconoscimento europeo per quanto riguarda l’uso di prodotti ecologici e in pieno rispetto dell’ambiente. Tutte le mattine troverete ad attendervi un buffet molto fornito di pane fresco, marmellate bio, croissant caldi, frutta fresca e yogurt. In più, le bevande sono preparate al momento dal personale.

Nel complesso, devo dire che ho trovato il rapporto qualità/prezzo davvero ottimo e il valore aggiunto è sicuramente il servizio impeccabile: il personale è molto gentile e pronto a soddisfare qualsiasi necessità sempre con il sorriso sulle labbra, cosa che non trovo affatto scontata.

Hotel Gavarni Parigi

N.B. Come sempre, ci tengo a precisare che i giudizi espressi sono frutto della mia personale esperienza e non sono legati ad alcun tipo di sponsorizzazione da parte dei soggetti citati.

 

 

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (2 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...
Nessun commento su Dove dormire a Parigi: camera con vista all’Hotel Gavarni

MiniMe Paris: come realizzare un cappello su misura nel cuore del Marais a Parigi

rel=”nofollow”> Parigi è la città dell’amore ma anche e soprattutto della moda. Dior, Chanel, Lanvin, Louis Vuitton sono solo alcuni dei marchi francesi più conosciuti e più famosi nel mondo….

rel=”nofollow”>

Parigi è la città dell’amore ma anche e soprattutto della moda. Dior, Chanel, Lanvin, Louis Vuitton sono solo alcuni dei marchi francesi più conosciuti e più famosi nel mondo. Ma tra le strade della capitale francese si nascondo anche tanti atelier di moda più piccoli ma altrettanto affascinanti proprio perché di nicchia e indipendenti. Durante il mio ultimo viaggio a Parigi ne ho scovato uno davvero particolare che si trova proprio nel cuore del Marais, il quartiere più trendy di Parigi. Il suo nome è MiniMe Paris e si tratta di un atelier unico nel suo genere che vi consiglio assolutamente di visitare anche solo per la location strepitosa. Vi sembrerà, infatti, di essere caduti nella buca del Bianconiglio e di trovarvi nel laboratorio del Cappellaio Matto nel Paese delle Meraviglie di Alice (c’è anche lo Stregatto, anzi ce ne sono ben due). La cosa bella, però, è che non si tratta né di un sogno né tanto meno di un’allucinazione. MiniMe Paris esiste davvero e vi attende per un’esperienza davvero magica: uno workshop di chapellerie, ovvero un laboratorio che vi permetterà di creare con le vostre mani un cappello su misura. Vi ho incuriosito?

Atelier MiniMe Parigi

La Maison de MiniMe – storia e filosofia del brand

La Maison de MiniMe è stata fondata a Parigi nel 2014 da Marie Marquet, una ragazza parigina che fin da piccola ha sempre avuto la passione per la moda e la creazione di accessori e vestiti particolari. Crescendo, Marie ha continuato a coltivare la sua passione per la moda e ha cercato di conciliarla con il suo amore per le fiabe e il pop surrealismo. Ne sono risultate le sue eccentriche e coloratissime creazioni, rigorosamente handmade. Dopo aver studiato all’Ecole de la Chambre Syndical de la Couture Parisienne e aver lavorato per grandi case di moda tra cui Hermès e Chanel, Marie ha deciso di lanciare il suo brand che in breve tempo ha avuto enorme successo. Da allora, MiniMe crea originalissimi abiti e accessori che vengono venduti non solo a Parigi, ma in tutto il mondo. Uno dei fiori all’occhiello del brand sono proprio i cappelli: totalmente fatti a mano e su misura sono delle vere opere d’arte. Non a caso, anche Lady Gaga se ne è fatto fare uno personalizzato. Da qualche mese, Marie ha deciso di aprire le porte del suo atelier ispirato al mondo fantastico di Alice nel Paese delle Meraviglie per far conoscere la sua filosofia e i vari step della creazione dei cappelli. Quella della chappellerie è infatti un’arte in via d’estinzione. Anche i grandi brand ormai confezionano tutto con i macchinari e, purtroppo, le creazioni handmade stanno diventando sempre più rare. E’ per questo che Marie si impegna per salvaguardare questa bellissima tradizione francese. Vi assicuro che dopo aver visto trasformare tra le vostre mani un semplice pezzo di stoffa in un cappello, guarderete qualsiasi copricapo con occhi diversi.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Minime Paris – Come realizzare il proprio cappello su misura

L’atelier di MiniMe, oltre a funzionare da showroom e da laboratorio, è anche la casa stessa di Marie. Proprio come Alice, anche la sua casa sembra essere uscita dalle pagine di Lewis Carroll: murales colorati, pavimenti a scacchiera con pedine enormi, sculture strambe e tazzine come quelle del film d’animazione “La Bella e la Bestia“. Un universo fantastico che spiega bene la filosofia del brand e la visione della sua fondatrice.

Atelier MiniMe Parigi

La bravissima Marie all’opera

Gli workshop per realizzare il proprio cappello si svolgono proprio nel laboratorio di MiniMe al 75 di Boulevard de Sébastopol, a Parigi. Hanno una durata di circa 3 ore in cui avrete la possibilità di calarvi in prima di persona, ma sempre con l’aiuto e l’assistenza di Marie e dei suoi collaboratori, nella realizzazione di un cappello su misura partendo da zero. Vi spiegheranno i segreti dell’arte della creazione francese dei cappelli e ve lo faranno modellare a partire da un pezzo di stoffa. La parte più divertente è ovviamente quella della decorazione: avrete a disposizione tantissime stoffe, perline, piume e chi più ne ha più ne metta con cui ornare il vostro copricapo finito.

Il valore aggiunto è che il tutto si svolge in piccoli gruppi, cosa che rende l’esperienza ancora più divertente perché si riesce a fare anche amicizia con persone provenienti da ogni parte del mondo.

Per prenotare il vostro workshop è molto semplice: potete contattare direttamente Marie online sul suo sito ufficiale di cui vi lascio il link qui, scegliere il giorno e l’orario che più preferite e il gioco è fatto (è disponibile in lingua inglese e francese). Non vi resterà che recarvi a Parigi, nel Marais, e prepararvi a veder compiere la magia. Oltre al ricordo della bellissima e originalissima esperienza, vi porterete a casa come souvenir un cappello unico e personalizzato interamente fatto a mano da voi. Cosa volere di più?

Photo taken with Focos

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...
Nessun commento su MiniMe Paris: come realizzare un cappello su misura nel cuore del Marais a Parigi

Weekend lungo a Parigi: itinerario di 4 giorni alla scoperta della Ville Lumière

Per il ponte di Ognissanti, ho deciso di farmi un regalo speciale e di tornare per un weekend lungo a Parigi, una delle mie città preferite in assoluto. La Ville…

Per il ponte di Ognissanti, ho deciso di farmi un regalo speciale e di tornare per un weekend lungo a Parigi, una delle mie città preferite in assoluto. La Ville Lumière, come viene tipicamente chiamata, ha tantissimo da offrire ed è una meta perfetta in qualsiasi stagione. Questa è stata la mia terza volta nella capitale francese e devo dire che ogni volta è una scoperta e un’emozione. Avendo vissuto e lavorato proprio nel cuore di Parigi qualche anno fa, ho avuto la possibilità di visitare con calma i musei più famosi come il Louvre, il museo d’Orsay, il Centro Pompidou e molti altri ancora a cui, secondo me, va dedicato il giusto tempo. Questa volta, quindi, ho deciso di concentrami principalmente sulla visita della città, approfondendo la conoscenza di alcuni luoghi simbolo parigini e scoprendo anche aspetti meno conosciuti della tradizione. Devo dire che è un itinerario molto romantico e perfetto per una fuga di coppia in una delle città d’amore per eccellenza.

Tour Eiffel in autunno

L’itinerario che voglio condividere con voi è quello che ho seguito io stessa durante i 4 giorni che ho passato a Parigi. In realtà, ho scelto un volo che partiva molto presto la mattina per l’andata e per il ritorno invece uno che decollava alle 21.30. Questo mi ha permesso di avere a disposizione quasi altri due giorni pieni da dedicare completamente alla visita della città. Per conoscere qual è il modo migliore per raggiungere Parigi e come muoversi in città, qui trovate tutte le indicazioni e i consigli per organizzare al meglio il viaggio e gli spostamenti.

Giorno 1 – Montmartre, Pigalle e cena sulla Tour Eiffel

Dopo aver lasciato i bagagli in hotel, che ho prenotato nel 16esimo Arrondissement (quello della Tour Eiffel per capirci) e di cui trovate tutti i dettagli qui, mi sono diretta verso la zona di Montmartre. Famoso per i suoi vicoli bohémien e per i suoi artisti maledetti, Montmartre è uno dei quartieri più turistici e conosciuti di Parigi. Non tutti sanno che fu annesso alla città solo nel 1860 e divenne subito il posto preferito da pittori, musicisti e artisti che lo scelsero come propria dimora. Imperdibile è senza dubbio la basilica del Sacro Cuore, Sacre Coeur en Français, che domina tutta la città e ne è uno dei simboli.

basilica del sacro cuore parigi

Nonostante oggi, con il turismo di massa, si sia persa un po’ quell’autenticità bohémien di un tempo, è possibile comunque trovare ancora posti caratteristici e lontani dalla folla che, solitamente, si limita ai vicoli circostanti Sacre Coeur. Per scovarli vi basterà fare pochi metri. Incontrerete infatti subito la Maison Rose, un locale che sembra uscito direttamente da un quadro impressionista e che è amato da tutti gli instagrammer. Subito dopo scendendo la strada sulla destra, troverete le Vigne di Montmartre. Ai tempi d’oro degli artisti, la collina di Parigi era conosciuta anche per i suoi numerosi vigneti da cui si produceva tantissimo vino. Negli anni, però, le vigne sono state pian piano spazzate via per far spazio agli edifici fino a scomparire del tutto. O quasi. Un piccolo fazzoletto di terreno coltivabile è infatti sopravvissuto e nel 1933 un gruppo di amici ha voluto ripiantare le vigne, come simbolo della lotta contro la cementificazione dilagante. Il risultato? 1500 mq di superficie e circa 2000 piante di 27 varietà diverse di uva da cui si producono ogni anno un migliaio di bottiglie di Pinot Nero e Beaujolais, con etichette rigorosamente dipinte a mano dagli artisti locali e vendute, inutile dirlo, a cifre astronomiche. A questo punto, di fronte a voi, troverete uno degli ultimi – se non l’ultimo – cabaret tradizionale di Montmartre, Au Lapin Agile, dove ogni sera artisti e musicisti fanno rivivere la Chanson Française, la canzone francese come la definiscono loro.

Riscendete, poi, dalla collina e tornate verso la fermata della metro Anvers. Qui, nascosto in un parco abbastanza anonimo, troverete uno dei luoghi più romantici di Parigi: Le mur des Je T’Aime. Si tratta di un’opera artistica di Frédéric Baron lunga ben 10 metri e alta 4, famosa perché riporta la scritta “ti amo” in ben 311 lingue. Per concludere la visita al quartiere una volta più chiacchierato di tutta Parigi, non vi resta che fermarvi a bere una cioccolata calda o a mangiare una crème brûlée al Café des 2 Moulins, in cui Amélie lavorava come cameriera nel celebre film “Il favoloso mondo di Amélie” e fare un salto al celebre Moulin Rouge, secondo me un po’ sopravvalutato.

Vi troverete ora a Pigalle, la zona a luci rosse di Parigi. Incontrerete infatti numerosi locali notturni e sexy shop camminando tra le sue vie. Nascosto, però, tra i vicoli di questa zona un po’ controversa si trova un campo da basket, il Pigalle Basketball Camp, diventato ormai famoso perché scelto come location per molte pubblicità di grandi marchi come Nike. Creato dal brand di moda e streetstyle Pigalle, è un tocco di colore tra il grigiore degli edifici residenziali ed è, secondo me, un’opera d’arte a cielo aperto. Agli amanti della musica, consiglio poi un salto nella via parallela al Pigalle Basketball Camp, Rue Douai, piena di negozi di strumenti musicali e non solo.

pigalle basketball camp

Prima di rientrare in hotel, fate un salto alle Galeries Lafayette Haussmann situate proprio su boulevard Haussmann, nel IX arrondissement. Si tratta di uno dei grandi magazzini più conosciuti e rinomati al mondo. Ma io ve li consiglio per un’altra cosa, tra l’altro completamente gratuita: la vista mozzafiato su tutta Parigi che si ha dalla loro terrazza panoramica. Se volete concedervi un aperitivo, poi, lo potete fare dal bar situato proprio qui e aperto tutto l’anno (nei mesi freddi, viene chiuso da delle bolle trasparenti molto belle).

Cosa c’è di meglio per concludere la prima giornata a Parigi se non una cena romantica proprio sulla Tour Eiffel? Salire sul simbolo per eccellenza della capitale francese di notte, quando è tutta illuminata, è un’emozione. E cenare ammirando dall’alto tutta la città è un ricordo indimenticabile. Potete prenotarla a questo link.

Giorno 2 – Louvre, Jardin de Tuileries, Place de la Concorde, Champs Elysées e Butte aux Cailles

Il secondo giorno l’ho dedicato alla visita di alcuni dei luoghi simbolo di Parigi.  Ho cominciato la giornata con la visita al Louvre, a cui vi consiglio di dedicare il giusto tempo se è la prima volta che lo visitate. Considerando che è uno dei musei più grandi e più visitati del mondo, vi consiglio di comprare già online i biglietti in modo da saltare la fila alle casse e risparmiare anche qualche ora di tempo. Sia che decidiate di entrare o di limitarvi agli esterni, continuate poi verso i vicini Giardini delle Tuileries: una bellissima oasi verde all’interno della città. Con i suoi caratteristici viali alberati, i suoi chioschi dall’inconfondibile stile parigino e le sedie verdi su cui fermarsi per una sosta rigenerante è indubbiamente uno dei parchi più belli di tutta Parigi.

Subito fuori dai giardini c’è un piccolo angolo di paradiso per tutti gli amanti del tè e dei dolci: Angelina. Una delle più antiche ed eleganti sale da tè in cui farsi coccolare dal personale in divisa e dove deliziare il palato con i buonissimi dolci (provate anche i club sandwich, sono da acquolina in bocca). Percorrendo le Jardin des Tuileries fino in fondo, vi ritroverete direttamente su Place de la Concorde, la piazza più grande di Parigi e uno dei luoghi più ricchi di storia. Racchiude al suo interno due raffinatissime fontane dei Fiumi e dei Mari e il famoso obelisco egizio di Luxor, situato proprio sull’Axe Historique, l’asse immaginario che collega i monumenti storici e i palazzi parigini.

Place de la Concorde

Continuando dritti, arriverete al viale degli Champs Elysées, tra negozi esclusivi e café. Prima però fate una piccola deviazione per ammirare il bellissimo Ponte di Alessandro III. Dopo un po’ di sano shopping e un macaron da Ladurée, completate il secondo giorno con la visita all’Arco di Trionfo.

Per cena, ho voluto far conoscere a Francesco il quartiere dove avevo vissuto durante il mio periodo parigino: il XIII arrondissement sulla rive gauche. In particolare, siamo andati a Place d’Italie, la piazza principale del quartiere e nella zona di Butte aux Cailles. Io personalmente lo considero un po’ il quartiere segreto di Parigi, lontano dai circuiti turistici e molto amato dai parigini. Se volete immergervi nella vera vita della città, questo è il posto che fa per voi. Troverete infatti viali lastricati, casette bianche e ottimi bistrot e ristoranti tra cui scegliere.

Giorno 3 –  Trocadéro, Crociera sulla Senna, Notre Dame e Rue de Rivoli

Il terzo giorno è cominciato con una tappa panoramica sul ponte di Bir Hakeim da cui si gode di una splendida vista sulla Tour Eiffel e ho continuato poi verso Rue de l’Université, una delle vie più instagrammate proprio per il suo scorcio sulla torre. Qualche fotografia dopo, mi sono recata al molo n° 7 per una sorpresa organizzata da Francesco: una crociera con pranzo lungo la Senna. E’ stata un’esperienza davvero magnifica e che ricorderò sempre con piacere. Credo che assaggiare prelibatezze francesi, accompagnate da una buona dose di vino (per me fin troppo, visto che poi sono caduta come un sacco di patate mentre cercavo di spostarmi su un monopattino) mentre si naviga lungo la Senna con il sottofondo di musica dal vivo sia veramente impagabile. Per tutti i dettagli e per scoprire come prenotarla, cliccate qui.

pranzo sul bateaux parisien

Finito il pranzo, un po’ brilla e traballante, ho avuto infatti la pessima idea di usare uno dei tanti monopattini elettrici a noleggio per spostarmi fino alla cattedrale di Notre-Dame de Paris.  In realtà, sono un modo di spostarsi molto comodo e divertente  al tempo stesso (ve ne ho parlato qui) basta che prima non abbiate bevuto troppo come la sottoscritta. In stile gotico, la cattedrale metropolitana di Nostra Signora si trova proprio nel cuore di Parigi sull’ Île de la Cité, una delle due isole fluviali della città. L’ingresso alla cattedrale è gratuito. Se invece volete calarvi nella parte di Quasimodo e salire fino alle guglie, bisogna acquistare il biglietto che, anche in questo caso, vi consiglio di comprare prima online a questo link per evitare la sempre lunghissima coda.

Fate una passeggiata, poi, lungo la Senna tra le bancarelle di libri antichi, stampe e souvenir caratteristici fino a raggiungere la storica libreria Shakespeare and Company, un must see per gli amanti dei libri come me.

Spostandovi a piedi o con l’ormai collaudato monopattino elettrico, dirigetevi poi verso Rue de Rivoli. Anche in questo caso ve la consiglio non tanto per i negozi quanto per una piccola perla nascosta: 59 Rue de Rivoli. Si tratta di un edificio/galleria d’arte/spazio espositivo in cui artisti di ogni genere creano ed espongono le loro opere. E’ un posto coloratissimo e decisamente eccentrico che vi consiglio di non perdere proprio per la sua atmosfera artistica e anticonformista che mi ha fatto pensare un po’ ai primi artisti bohémien di Montmartre. L’ingresso è gratuito ma è comunque gradita una piccola offerta libera a sostegno dell’attività.

Per cena, ho scelto un ristorante abbastanza particolare: il Buddha Bar. Si tratta di un ristorante – lounge bar dal tipico stile orientale. Anche i piatti hanno influenze delle cucine giapponese, thailandese e indiana, ma anche hawaiana e californiana e l’atmosfera è decisamente alternativa. Anche in questo caso la prenotazione è d’obbligo e potete farla direttamente da qui.

Giorno 4 – Marais, cappelli artigianali e Jardin du Luxembourg

Per concludere il mio itinerario di 4 giorni a Parigi, ho scelto di lasciare per ultimo quello che forse è il quartiere più trendy della Ville Lumière: le Marais. Pieno di negozietti vintage e particolari, è conosciuto per essere dimora di molti locali gay ma anche e soprattutto per la forte presenza della comunità ebraica.  Su Rue des Rosiers troverete infatti parecchi venditori di falafel e di altre pietanze tipiche ebraiche. All’interno di un hotel particulier si trova anche il Museo d’Arte e di Storia del Giudaismo, dedicato appunto alla storia e all’arte della comunità ebraica a Parigi. Un altro museo conosciutissimo di questo quartiere è il Centro Pompidou, che vanta una delle più importanti collezioni di arte moderna e contemporanea d’Europa. La sua struttura è subito riconoscibile in quanto decisamente eccentrica ed estrosa. Venne costruito nel corso degli anni ’70 su un progetto di Renzo Piano e di Richard Rogers che scelsero enormi tubi colorati per la sua realizzazione. Se non siete interessati all’arte moderna e contemporanea, vi consiglio comunque di accedere alla terrazza panoramica da cui si ha una bellissima vista su Parigi (l’ingresso alla sola terrazza costa 5€).

Centro Pompidou Parigi

In un quartiere così alla moda e alternativo al tempo stesso, non potevo non cimentarmi in uno workshop di chapellerie, ovvero un laboratorio in cui ho avuto la possibilità di realizzare a mano un cappello su misura secondo le tecniche tradizionali francesi. L’esperienza è a dir poco fantastica: capire come viene realizzato un cappello e soprattutto vedere come pian piano prende forma tra le tue mani è davvero eccezionale. Anche la location, poi, merita di essere vista perché sembra di essere caduti direttamente nella buca del Bianconiglio e di trovarsi nel laboratorio del Cappellaio Matto. Qui trovate tutto il racconto dell’esperienza e i dettagli per prenotare il laboratorio.

workshop minime parigi

Per il pranzo vi consiglio la Crêperie Beaubourg, in cui potrete gustare delle ottime e tipiche crêpes ma anche galettes francesi.

Infine, è d’obbligo una visita a uno dei parchi più grandi e più belli di tutta Parigi: le Jardin du Luxembourg. Io vi consiglio di andarci a piedi, dista circa 2 km dal Centro Pompidou e vi permetterà di esplorare meglio i vicoli del Marais e del VI arrondissment.

Inaugurato nel 1612 da Maria de’ Medici, il Giardino del Lussemburgo è un posto magico in cui anche i parigini amano trascorrere le ore di relax all’aria aperta. Oltre alle bellissime aiuole fiorite, ci sono anche tantissime statue e fontane, una su tutte la romantica Fontana dei Medici di fronte a cui dire à bientôt a Parigi al tramonto.

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (2 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...
Nessun commento su Weekend lungo a Parigi: itinerario di 4 giorni alla scoperta della Ville Lumière

Viaggio in Giamaica: 5 buoni motivi per partire subito

Sono andata in Giamaica un po’ per caso. Stavo cercando una località ai Caraibi in cui fare tappa dopo una settimana a New York e tutto quello che volevo erano…

Sono andata in Giamaica un po’ per caso. Stavo cercando una località ai Caraibi in cui fare tappa dopo una settimana a New York e tutto quello che volevo erano lunghe spiagge bianche, acqua cristallina e relax. La Giamaica prometteva tutte queste cose e ad un prezzo molto più conveniente rispetto ad altre località magari più turistiche. L’idea poi di una meta alternativa e ancora poco conosciuta mi ha spinta definitivamente a sceglierla per le mie vacanze all’insegna del mare e del relax. Quello che di certo non mi sarei mai aspettata era di innamorarmi perdutamente di questa terra a volte controversa ma ricca di bellezza, cultura e di una fortissima personalità che la contraddistingue. 

La Giamaica è un concentrato di energia che si sprigiona nella musica sempre presente, nei balli affascinanti e nel calore della sua gente. Sono in assoluto i sorrisi e le storie delle persone che ho avuto il piacere di conoscere che hanno fatto sì che lasciassi un pezzetto di cuore in questo Paese unico e speciale. Quando sono partita, stavo portando con me un bagaglio colmo di luoghi comuni: Bob Marley, Cannabis, criminalità, spiagge caraibiche e poco altro da scoprire. Considerando che io amo girovagare e vedere più cose possibili quando sono in viaggio, confesso di aver temuto di annoiarmi in Giamaica, dove pensavo che da vedere ci fosse ben poco. Mi aspettavo, infatti, di starmene per i restanti 10 giorni spaparanzata sulla sdraio a bere Piña Colada con l’ombrellino e a lavorare costantemente sull’abbronzatura. E, invece, 10 giorni non sono stati neanche lontanamente sufficienti per riuscire a vedere tutto quello che quest’isola nel Mar dei Caraibi ha da offrire. 

Foreste rigogliose, cascate naturali in cui tuffarsi dopo averle scalate, lagune luminose, spiagge di borotalco e acque turchesi costellate di pesci multicolori e stelle marine, ma anche piantagioni di caffè, tramonti incandescenti e indimenticabili e tanto calore umano. E’ tutto quello che dovete aspettarvi da una vacanza in Giamaica, al ritmo del sole e della musica Reggae. 

1. Negril e la Seven Miles Beach

Come base d’appoggio ho scelto Negril, nella parte occidentale della Giamaica. E’ famosa per le sue lunghissime spiagge bianche, circondate da una miriade di palme e bagnate dalle calme e calde acque cristalline in cui nuotano liberamente pesci coloratissimi, razze e stelle marine. Il tratto più lungo di spiaggia è quello della Seven Miles Beach, una striscia bianca lunga ben 11 chilometri appunto. È la zona in cui si concentrano anche i resort all-inclusive e i locali che si trovano lungo la parallela Long Bay. Qui troverete parecchi bar e ristorantini, ma anche i tipici ambulanti che preparano il Jerk Chicken – pollo speziato e piccante cotto alla brace dentro barbecue improvvisati e spartani di lamiera. Assolutamente da provare! Se poi volete comprare spezie e il preparato speciale per rifare a casa il jerk chicken, potete farlo sia nelle piccole botteghe che troverete sempre lungo Long Bay sia al Time Square Mall, una sorta di centro commerciale in cui ci sono prevalentemente negozi di souvenir. Molto comodo perché è presente un bancomat, il più vicino che troverete se soggiornate a Negril. 

Assolutamente da non perdere, poi, è un’escursione in barca a Booby Cay Island, un piccolo isolotto disabitato proprio di fronte a Seven Miles Beach. Il modo migliore per raggiungerlo è quello di affidarsi ai locali che vi porteranno con le loro barche dal fondo di vetro fino all’isola. Compreso nel costo – vi consiglio di contrattare – ci sono una tappa alla barriera corallina in cui potrete fare snorkeling (pinne e boccaglio sono a disposizione) e poi un fantastico pranzo a base di aragosta cucinata e mangiata direttamente sulla spiaggia. La miglior aragosta che ho mai mangiato, credetemi. 

2. Falmouth e la Laguna luminosa

L’esperienza alla Laguna Luminosa è senza dubbio una delle più belle e indimenticabili che ho mai vissuto. Si tratta di una laguna molto particolare perché, di notte, le sue acque luccicano! No non sto scherzando, quello che vedrete è uno spettacolo davvero stupefacente: le acque della laguna si colorano infatti di un azzurro fosforescente, come se migliaia di lucciole avessero deciso di tuffarsi e farvi strada mentre nuotate. In realtà, non si tratta di lucciole bensì di rarissimi microbo dinoflagellate phosphorescent, dei microrganismi che si attivano con i movimenti. E’ un fenomeno naturale che si verifica solo in quattro posti al mondo e a particolari condizioni atmosferiche. A me sembrava di essere davvero in simbiosi con la natura, ad ogni mio movimento era come se si accendessero intorno a me tantissime lampadine fluorescenti e giocherellone. Un piccolo fascio di luce nel buio totale circostante, ovvero pura magia! La Laguna Luminosa si trova poco fuori Falmouth, a circa 2 ore di macchina da Negril. Ci sono diversi tour che organizzano gite al tramonto per ammirare questo spettacolo. Se volete, invece, raggiungerlo autonomamente vi consiglio di arrivare sul posto con largo anticipo (l’escursione comincia alle 19) per comprare i biglietti. 

laguna luminosa giamaica

3. Ocho Rios e il mausoleo di Bob Marley

One love, one heart
Let’s get together and feel all right

One Love” è il motto giamaicano per eccellenza. Tratto dall’omonima canzone del grande mito giamaicano Bob Marley, ha un significato estremamente profondo che credo si riesca a capire meglio solo visitato la sua terra natale e conoscendo i suoi abitanti. E’ un inno alla fratellanza, alla libertà e all’amore totale senza barriere e distinzioni sociali, religiose o culturali. Sulle colline di Nine Mile si trova la casa in cui Bob Marley visse fino ai 13 anni e in cui ora, secondo alcuni, è sepolto nel mausoleo bianco con vetrate colorate e angeli neri dipinti sui muri, costruito proprio di fianco alla casa natale del celebre cantante. Bob Marley, in realtà, è considerato molto più che un artista: è una sorta di emblema della cultura Reggea e portavoce e simbolo della filosofia rastafariana, di cui Marley stesso era esponente. Purtroppo, la casa e il mausoleo sono oggi molto, troppo turistici e, a mio avviso, anche un po’ pacchiani. Meritano però una visita sia per gli splendidi panorami che vedrete nell’arrivare: strade tortuose e dissestate che passano tra la foresta e le montagne, un mondo molto lontano da quello di Negril e dei suoi resort. 

mausoleo bob marley ocho rios

4. Dunn’s River Falls 

La Giamaica è molto verde e ricca di foreste tropicali e cascate naturali in cui vi sembrerà di essere davvero in mezzo alla giungla. Le più famose – e anche più turistiche – sono le Dunn’s River Falls ad Ocho Rios. Ad essere sinceri, la prima impressione è quella di essere in un parco acquatico dotato di tutti i comfort. Le Dunn’s River Falls sono alte 55 metri e sono un insieme di varie cascate e piscine d’acqua naturali che si formano tra le rocce. La cosa bella è che, partendo dalla spiaggia sottostante in cui il fiume Dunn sfocia direttamente nel Mar dei Caraibi (è stata usata anche come location per vari film tra cui il primo 007) le cascate sono scalabili a piedi. Vi basterà usare delle scarpette antiscivolo (acquistabili in qualsiasi negozietto anche a Negril) e iniziare la salita nell’acqua tra le rocce. Quando ci si ritrova a scalare la cascata in mezzo a piante e fiori lussureggianti, si dimentica presto di essere all’interno di un parco e sembra invece di trovarsi in un paradiso tropicale. E ci si sente un po’ degli avventurieri. 

  • Orari: tutti i giorni dalle 8.30 alle 16.00 (dalle 7 alle 16 durante i giorni in cui approdano le navi da crociera)
  • Prezzi: adulti 23 $ (20 € circa); bambini 15 $ (13€ circa)

 

5. Rick’s Cafè e il mercato dell’artigianato locale

I tramonti ai Caraibi sono meravigliosi: il sole all’improvviso sembra incendiarsi di un rosso fuoco e colora tutto il cielo con bellissimi riflessi rosa-aranciati. In Giamaica ho visto tramonti veramente indimenticabili e spettacolari. Il migliore è stato senza dubbio quello visto al Rick’s Cafè. Fondato nel 1974 da Richard Hershman, è oggi il locale più frequentato della Giamaica ed è tra i 10 bar più famosi al mondo. Il motivo è semplice: si trova su una scogliera alta 10 metri da cui domina tutta la baia e da cui si vedono i tramonti più belli di tutta l’isola. Sia il bar che il ristorante prendono vita ovviamente di sera, al tramonto, quando le persone vengono qui per sorseggiare cocktail al ritmo della musica dal vivo. Ma la fama del Rick’s Cafè è dovuta anche e, forse principalmente, alla possibilità di tuffarsi in mare dalle rocce. I più coraggiosi possono farlo dal trampolino naturale più alto, a 10 metri d’altezza, e per chi vuole prima tastare il terreno può farlo da quelli posti più in basso. 

Sulla strada per il Rick’s Café fermatevi anche al mercato dell’artigianato locale in cui si trovano souvenir ma anche oggetti fatti a mano, come le bellissime maschere in legno create dagli artisti rasta. Potete trovare cose davvero uniche e, anche se le trattative sono d’obbligo, non esagerate con gli artisti che impiegano giorni ad intagliare il legno e a decorarlo. 

Quando andare in Giamaica

Il clima in Giamaica è di tipo tropicale e le temperature si mantengono intorno ai 30° tutto l’anno. La stagione in cui le piogge si fanno sentire di più va da maggio a novembre (ottobre e novembre sono forse i mesi più piovosi). I mesi di solito consigliati per un viaggio in Giamaica sono quindi da dicembre ad aprile. Vi dico però che io ci sono stata a giugno e mi sono goduta il sole durante tutti i 10 giorni della mia permanenza. Gli acquazzoni infatti, essendo tropicali, si concentrano intorno a mezzogiorno e  in un’oretta passano e il cielo torna limpido. Attenzione, poi, ad andare durante lo Spring Break americano (varia di anno in anno come la nostra Pasqua, tra fine febbraio a metà aprile), ovvero il periodo di ferie in cui gli studenti universitari statunitensi si riversano nelle località balnerari per fare festa. La Giamaica è una delle loro mete preferite e, se andate in questo periodo, i prezzi sono più alti e le strutture piene di queste orde chiassose di adolescenti (solitamente ubriachi). 

Tramonti giamaicani negril

N.B. Tutte le foto presenti nell’articolo sono miei scatti e sono quindi di mia proprietà materiale ed intellettuale. Tutti i diritti sono riservati ed è vietato copiarli, riprodurli e pubblicarli con qualsiasi mezzo e su qualsiasi supporto.

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (3 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...
9 commenti su Viaggio in Giamaica: 5 buoni motivi per partire subito

Dove ammirare il foliage autunnale in Trentino Alto Adige: escursione sul Monte Watles

L’autunno è la stagione in cui la natura regala spettacoli magici e colorati. Gli alberi si vestono dei loro colori più caldi e ci ammaliano con la loro bellezza naturale….

L’autunno è la stagione in cui la natura regala spettacoli magici e colorati. Gli alberi si vestono dei loro colori più caldi e ci ammaliano con la loro bellezza naturale. Rosso, giallo, arancione, verde scuro e bordeaux sono i toni dominanti di questa stagione speciale che bisognerebbe gustare fino all’ultima foglia. Negli ultimi anni ha preso piede il termine “foliage” per descrivere questo fenomeno naturale delle foglie che si tingono di mille colori. E molte sono le mete in cui poter ammirar il foliage d’autunno. Ovviamente, i posti migliori per farlo sono i parchi e i boschi. La montagna, infatti, è in assoluto una delle mete da non perdere in questi mesi. I paesaggi, infatti, sembrano essere appena stati dipinti con gli sgargianti e mutevoli colori presi direttamente dalla tavolozza di un pittore impressionista.

Monte Watles

Quest’anno per osservare il foliage ho optato per il Trentino Alto Adige e, in particolare, ho deciso di andare in Val Venosta. Conosciuta come la valle delle mele, si trova a circa 80 chilometri da Bolzano ed è sicuramente la destinazione ideale per gli amanti della natura e delle escursioni. E’ perfetta anche per chi cerca un po’ di tranquillità e ha voglia di scoprire borghi medievali dal tipico gusto tirolese. Le attività a disposizione sono tantissime e per tutti i gusti: dai sentieri di trekking a quelli di MTB, passando per le degustazioni gourmet e al relax alle terme. Io ho scelto di cimentarmi in un’escursione sul Monte Watles, nel comune di Malles Venosta, che in queste settimane si è tinto di giallo e arancione e regala scorci mozzafiato.

Monte Watles

Foliage sul Monte Watles: escursioni e attività

Situato a circa 2150 metri d’altezza, il monte di Watles si trova proprio sopra Burgusio e Malles, due rinomati comuni della Val Venosta. Durante la stagione invernale è frequentato per i suoi impianti di risalita e le sue piste da sci, mentre nel periodo estivo è un ottimo punto di partenza per delle escursioni tra i boschi, lungo sentieri marcati e con una vista a 360 gradi sul fondovalle. Immaginate, poi, in questo periodo che scorci mozzafiato e che colori potrete ammirare passeggiando tra i suoi boschi.

E’ senza dubbio un paradiso per gli escursionisti ma è anche perfetto per le famiglie. Troverete ad attendervi, infatti, tantissimi giochi per i bambini e aree relax per i genitori. In particolare, i più piccoli potranno divertirsi con zattere e ponti sospesi nel Lago dei Giochi, un lago artificiale grande 1500 m² e profondo solo 40 cm e, quindi, del tutto sicuro. Nella Grotta dei Diamanti si possono, poi, scovare “pietre preziose” e per i più adrenalinici è possibile scivolare con dei gommoni lungo la pista apposita. Gli adulti, invece, potranno rilassarsi su enormi sdraio in legno ad osservare i loro bambini giocare in tutta sicurezza oppure cimentarsi in un Percorso Kneipp. A pranzo, poi, potrete rilassarvi e gustare dell’ottimo cibo tipico al rifugio Plantapatsch.

Orari & prezzi

  • Lago dei Giochi: dal 9 giugno al 4 novembre 2018 ogni giorno dalle ore 10 alle ore 17; ingresso gratuito.
  • Rifugio Plantapatsch: dal 11 maggio al 4 novembre 2018

Monte Watles

Foliage sul Monte Watles: in Mountain Cart a tutta velocità lungo le discese sterrate

L’attrazione in assoluto più divertente è di sicuro la discesa in Mountaincart lungo i 4 km della strada forestale sterrata che vi porterà fino a valle a tutta velocità. I Watles Riders sono dei veicoli mono-posto molto simili a dei go-kart: due ruote, volante, freni e puro divertimento. Ovviamente non potevo non provarli e, quindi, eccomi a stomaco pieno dopo essermi abbuffata al rifugio, a lanciarmi con lo stesso entusiasmo di una bambina (e anche un leggero terrore) lungo il sentiero in mezzo al bosco. E’ stata un’esperienza bellissima e divertentissima, nonché un modo molto alternativo per immergersi appieno dei colori del foliage autunnale.

Potete prendere i Watles Riders direttamente presso la stazione a monte, proprio sotto il Rifugio Plantapatsch. Non vi resterà che allacciare i caschi (gratuitamente a disposizione) e buttarvi lungo la discesa.

Orari & prezzi

  • Dal 16.06.2018 al 04.11.2018: ogni giorno dalle 10 alle 12.30 e dalle ore 13.30 alle 16.30 ( d’inverno la pista dei Watles Riders, viene ricoperta di neve e la discesa viene fatta con gli slittini)
  • Biglietto Watles Rider per una discesa: 8,00€ (dalle ore 10 alle ore 14 il ritorno alla stazione a monte con la seggiovia è gratuito  a fronte dell’acquisto di un biglietto Watles Rider)

N.B. I bambini sotto i 10 anni non possono salire sui Watles Rider, mentre quelli dai 10 ai 14 anni possono usarli solo in presenza di un adulto.

Monte Watles

Foliage sul Monte Watles: come arrivare

Il Monte Watles si trova a Prämajur, una frazione di Malles Venosta, a circa 85 km da Bolzano.

In auto, da Sud, vi basterà prendere l’Autostrada del Brennero A22, uscire a Bolzano sud (svincolo per la Superstrada Bolzano-Merano) e prendere poi la strada statale Val Venosta direzione Passo Resia (è solo una quindi vi sarà impossibile sbagliare). Se venite da Ovest, invece, dovete attraversare il Passo Resia – SS 40 – e il Passo dello Stelvio – SS 38 (attenzione però perché è aperto solo in estate). Da Est, percorrete infine il Passo Monte Croce (imbocco in Val Pusteria, SS 49) attraverso la Val di Landro (imbocco in Val Pusteria, SS 49).

Il Watles è raggiungibile anche in treno e con i mezzi pubblici.

Se vi trovate già a Burgusio e Malles e non avete voglia di guidare ancora e cercare parcheggio, c’è a disposizione un comodo servizio taxi che vi porta direttamente alla stazione a valle di Watles. Il costo è di 3,50 € a persona a corsa e qui trovate tutti gli orari.

Una volta arrivati a Prämajur, troverete un grande parcheggio gratuito e la seggiovia che vi porterà comodamente al Rifugio Plantapatsch. Per i più sportivi, invece, è possibile raggiungere a piedi il centro escursionistico del rifugio e il Lago dei Giochi attraverso i sentieri ben tracciati e alla portata di tutti.

Seggiovia: orari & prezzi

Estate
11.05. – 04.11.2018

11.05. – 30.06.2018: aperto tutti i giorni dalle ore 8.30 all ore 12.30 e dalle ore 13.30 alle ore 17
01.07. – 31.08.2018: orario continuato dalle ore 8.30 alle ore 17
01.09. – 07.10.2018: aperto tutti i giorni dalle ore 8.30 all ore 12.30 e dalle ore 13.30 alle ore 17
08.10. – 04.11.2018: giovedì fino domenica dalle ore 8.30 all ore 12.30 e dalle ore 13.30 alle ore 17

Prezzi della seggiovia adulti bambini
6 – 14 anni
senior/
ragazzi
 salita* 10,90 € 7,70 € 9,90 €
 discesa* 9,90 € 7,20 € 8,90 €
 salita e discesa* 14,10 € 9,40 € 11,40 €
 con VenostaCard adulti  bambini
6 – 14 anni
senior /
ragazzi
 salita* 9,80 € 6,90 € 8,90 €
 discesa * 8,90 € 6,50 € 8,00 €
 salita e discesa* 12,70 € 8,50 € 10,30 €

*incl. buono di consumazione di Euro 1,00 (dalle ore 8.30 alle ore 12.30)
*incl. buono di consumazione di Euro 2,00 (dalle ore 12.30 alle ore 17)

Monte Watles

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (3 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...
15 commenti su Dove ammirare il foliage autunnale in Trentino Alto Adige: escursione sul Monte Watles

Brescia in un giorno: itinerario a piedi alla scoperta del centro storico

Brescia non rientra spesso tra le mete scelte per un weekend fuori porta. Forse perché si pensa ad una città grigia ed industriale, piena di smog, palazzoni e poco altro….

Brescia non rientra spesso tra le mete scelte per un weekend fuori porta. Forse perché si pensa ad una città grigia ed industriale, piena di smog, palazzoni e poco altro. Anche io, pur avendola ad un tiro di schioppo come si dice qui, non la visito spesso e non conosco bene il mio capoluogo di provincia. In realtà, da bresciana quale sono, non riesco a spiegarmi bene neanche io questa grande mancanza. Forse, avendola così vicina, la trascuro a favore di altre destinazioni più lontane. Domenica, però, ho deciso di andare ad approfondire questa conoscenza e presentarla anche a Francesco che non l’aveva mai visitata. Camminando tra le vie acciottolate del centro storico, ne è venuta fuori una città ricca di storia e di arte, contornata da aree verdi e giardini nascosti. Una città da scoprire pian piano a piedi, gustandosi ogni angolo.  Anche Francesco, partito prevenuto, si è dovuto ricredere ed è rimasto piacevolmente colpito dal centro storico di Brescia.

Di seguito trovate l’itinerario che abbiamo seguito noi, in realtà creato sul momento in base ai vicoli che più ci attiravano, ma che si è rivelato veramente ben strutturato e ci ha permesso di vedere tantissime cose in una giornata.

Brescia

Alla scoperta di Brescia: da Piazza Arnaldo al Castello, passando per Corso Zanardelli e Piazza Loggia

Piazza Arnaldo è stato il nostro punto di partenza e di arrivo, visto che avevamo parcheggiato nelle vicinanze ( sotto trovate tutti i dettagli). E’ una delle piazze principali di Brescia e il centro della movida: se quando arriverete vi sembrerà tutto chiuso, aspettate che tramonti il sole e si accendano le luci dei locali. Vedrete la differenza: sempre affollata in tutti i periodi dell’anno grazie ai molti bar che le fanno da cornice. Merita sicuramente una visita per l’aperitivo o per un dopo cena.

Proseguite poi per Corso Zanardelli, in cui passeggiare ammirando le vetrine dei negozi e le opere degli artisti che i weekend espongono sempre le loro creazioni vicino ai portici. Sono i portici, infatti, i protagonisti di Corso Zanardelli che richiamano inevitabilmente verso le boutiques e lo shopping. Qui si trova anche “il Grande”, ovvero il teatro principale di Brescia e riconosciuto anche a livello nazionale come uno dei teatri tradizionali italiani.

Una volta passato Corso Zanardelli, continuate dritti e dirigetevi verso Piazza Mercato: una delle più antiche e meno conosciute di Brescia. E’ famosa appunto per il mercato cittadino a cui deve il nome e che si tiene qui fin dagli anni del 1400. La caratteristica forma a L della piazza è contornata da palazzi famosi e dalla chiesa seicentesca Santa Maria del Lino, in onore delle pregiate stoffe che si vendevano agli inizi del mercato.

Piazza Mercato Brescia

Dopo questo tuffo indietro nel tempo, dirigetevi verso la ben più moderna Piazza della Vittoria. Forse non tutti sanno che il primo grattacielo d’Italia si trova proprio qui. Fu costruita negli anni del Regime per simboleggiare l’impronta innovativa e moderna che si voleva dare Brescia, e in particolare in questa zona che all’epoca era considerata degradata. Non stupisce quindi che venne fatto costruire proprio qui quello che, per l’epoca, era un altissimo edificio: il Torrione INA ad opera di Marcello Piacentini. Qui vi consiglio una pausa – gelato da prendere alla gelateria La Pecora Nera e da gustare tassativamente seduti sui gradini del palazzo per ammirare al meglio la piazza e la sua moderna fontana.

Piazza della Vittoria Brescia

Ora non vi resta che superare il Torrione e raggiungere quella che probabilmente è la più conosciuta piazza di Brescia: Piazza della Loggia. Divenuta tristemente famosa per la strage del 28 maggio 1974 che ebbe luogo qui durante una manifestazione antifascista e che provocò la morte di 8 persone e ne ferì altre 102. E’ da sempre il cuore pulsante di Brescia e conquista per le sue bellezze architettoniche. Ottima la pizza da Trattoria Caprese, una delle più buone pizze napoletane che ho mangiato in zona.

Piazza della Loggia Brescia

Il giro continua poi in Piazza Paolo VI in cui si trova la Cattedrale di Santa Maria Assunta, la chiesa Madre di Brescia. Composta dal Duomo Nuovo, costruito tra il 1604 e il 1825, la Rotonda o Duomo Vecchio del XI secolo e del tipico stile romanico.

Piazza Paolo VI Brescia

 

Ed è proprio di fianco alla Rotonda che dovete passare per continuare la scoperta del centro storico di Brescia. Da qui infatti raggiungerete i vicoli più caratteristici che vi faranno passare dall’area archeologica della Basilica romana, visibili da Piazza Labus e dal bellissimo Capitolium, forse la mia parte preferita. Si tratta  infatti di un tempio romano dedicato a Giove, Giunone e Minerva, la “triade capitolina”, eretto dall’imperatore Vespasiano e oggi patrimonio UNESCO. Poco distante sorgeva anche il Teatro Romano. Il Parco archeologico è visitabile e, facendo parte del complesso museale di Santa Giulia, è possibile acquistare dei biglietti cumulativi più convenienti. Sul sito ufficiale, che vi lascio qui, trovate tutti i dettagli.

Capitolium Brescia

A questo punto, sarete arrivati alle pendici del colle Cidneo e dopo una discreta salita sarete arrivati sul tetto della città, ovvero il Castello di Brescia. E non vi resterà altro di rilassarvi all’ombra degli alberi, comodamente seduti su una delle tante panchine panoramiche, per ammirare Brescia dall’alto in tutto il suo splendore.

Muoversi a Brescia: parcheggi e metropolitana

Per arrivare nel centro Brescia ci sono vari modi: potete scegliere tra il treno che la collega alle principali stazioni ferroviarie,  la metropolitana o la macchina. Per quanto riguarda la metropolitana, anche se ha un’unica linea, è comoda perché collega il centro storico con le zone appena fuori e permette quindi di arrivare comodamente senza il problema di trovare parcheggio. I due capolinea sono Sant’Eufemia e Prealpino e sono entrambi dotati di parcheggio (Prealpino è gratuito mentre a Sant’Eufemia è sufficiente inserire il ticket nella cassa automatica quando ritirare l’auto e vi verrà richiesto solo il pagamento delle corse effettuate in metro e in bus, la tariffa della sosta verrà invece tolta). La metro è attiva dalle ore 5.00 alle ore 24.00, fino all’1 di notte il sabato.  Le tariffe si differenziano in base alla zona e sono le seguenti:

ZONA 1 ZONA 1+2
Ordinario 90 minuti € 1,40
Ordinario 100 minuti € 1,90
Giornaliero 24h € 3,00 € 4,00
Settimanale lun-dom € 12,00 € 16,00

I parcheggi a Brescia sono prevalentemente a pagamento, ma se ne trovano anche di gratuiti e comodi al centro. Uno di questi è l’enorme parcheggio che si trova proprio sotto il Castello di Brescia, in cui dare sempre un’occhiata perché grazie alle ampie dimensioni è facile trovare posto. Nel caso fosse tutto pieno, proseguite sulla strada che costeggia il Castello dove ci sono altri parcheggi gratuiti. Se preferite invece cominciare il giro dalle zone vicine a Piazza Arnaldo e Corso Zanardelli, come abbiamo fatto noi, vi consiglio il parcheggio Goito, proprio di fianco all’omonima caserma ( entrata da via Spalti San Marco). E’ interessante perché  gratuito la domenica e i festivi, mentre gli altri giorni la tariffa oraria è di 1,50 €.

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...
3 commenti su Brescia in un giorno: itinerario a piedi alla scoperta del centro storico

10 film di viaggio da non perdere

Sono fermamente convinta che per viaggiare non bisogna per forza muoversi fisicamente. Molto spesso mi ritrovo trasportata in luoghi lontanissimi ed esotici comodamente seduta sul divano di casa grazie al…

Sono fermamente convinta che per viaggiare non bisogna per forza muoversi fisicamente. Molto spesso mi ritrovo trasportata in luoghi lontanissimi ed esotici comodamente seduta sul divano di casa grazie al mio TV OLED Panasonic. E, con ottobre che porta con sé freddo e nebbia, cosa c’è di meglio di un bel film e di una tisana calda per trascorrere le lunghe serate invernali?

Fin da piccola, ho sempre amato leggere e vedere immagini di posti lontani. Sono cresciuta a pane Kilimangiaro, quando ancora era presentato da Licia Colò, che aspettavo con grande trepidazione tutte le domeniche. Ai cartoni animati, ho sempre preferito infatti i reportage di viaggi (a parte Il Re Leone che mi fa sognare l’Africa ancora oggi) e ai fumetti, invece, le guide di viaggio che colleziono da sempre.  La naturale evoluzione sono stati ovviamente i film di viaggio: mi piace quando trovo un film che, inaspettatamente, mi porta a viaggiare con la fantasia e mi faccia venire voglia di visitare i posti descritti. Come vi ho già detto, quando non sono in viaggio fisicamente, amo farlo con la mente e i film di viaggio sono i miei principali alleati. Nel corso degli anni, come potete immaginare, mi sono imbattuta in diversi film che possono rientrare in questa categoria. Di alcuni mi sono innamorata alla follia e li rivedrei altre mille volte, altri invece li ho trovati un po’ scontati e banali. Ovviamente, i film ,come i viaggi stessi, vanno a toccare le nostre emozioni e sono inevitabilmente legati ai nostri gusti personali quindi è normale che trame che hanno colpito me, a voi possano, per un motivo o per l’altro, non fare alcun effetto e viceversa.

Oggi vorrei condividere con voi i 10 film di viaggio che più ho amato e che vi consiglio per le serate d’inverno ormai alle porte. Alcuni sono film tratti da storie vere che raccontano di viaggi a piedi e on the road veri e propri;  altri, invece, mi hanno fatta immergere nella cultura e nelle tradizioni locali o mi hanno fatto fare un viaggio interiore con i protagonisti stessi. Il tutto accompagnato sempre da bellissime immagini e scorci che fanno venire immediatamente voglia di partire. Non mi resta che augurarvi buona visione 🙂

The Lady – L’amore per la libertà

The Lady l'amore per la libertà

The Lady – L’amore per la liberà è un film biografico che racconta della vita di Aung San Suu Kyi, premio Nobel per la pace, attivista e politica birmana. Il paese al centro del film è appunto la Birmania degli anni della dittatura militare. Ma è la vita di questa coraggiosa donna a rappresentare il focus del film: grazie agli spaccati della sua vita quotidiana e al suo rapporto a distanza con il marito e i figli, inglesi, ci fa vedere una dimensione più intima della grande leader dell’opposizione birmana e allo stesso tempo ci fa immergere nei durissimi anni che questo Paese ha dovuto vivere. Se si pensa, poi, che sono fatti recentissimi, il film fa amare ancora di più la Birmania e il suo popolo. Preparate i fazzolettini perché vi serviranno.

Potete acquistare il DVD cliccando qui.

Tracks – Attraverso il deserto

Tracks Attraverso il deserto

Anche Tracks è un film biografico e, come recita la locandina, si può riassumere così: 9 mesi, 2700 km, 4 cammelli e 1 cane. Io aggiungerei anche Robyn Davidson: l’incredibile protagonista di questo viaggio a piedi attraverso l’Australia, da Alice Springs all’Oceano Indiano. Robyn è sicuramente una delle donne viaggiatrici che più ammiro e questo film racconta perfettamente la sua impresa storica in solitaria, iniziata nel 1977, attraverso il deserto australiano e resa possibile grazie alla sponsorizzazione della National Geographic. Credo il sogno di tutti i blogger di viaggio.

Potete acquistare il DVD cliccando qui.

Il Cammino per Santiago

Il Cammino per Santiago

Come potete intuire dal titolo, il film racconta proprio del celeberrimo Cammino di Santiago che ogni anno migliaia di pellegrini decidono di percorrere. Anche Tom, medico americano di successo, si ritrova, per una serie di motivi che non vi voglio anticipare a percorrere zaino in spalla questo cammino. Sulla strada avrà modo di incontrare altri pellegrini che, come lui, hanno deciso di intraprendere questo viaggio che è, prima di tutto, un viaggio dell’anima e delle emozioni alla scoperta di se stessi. Il messaggio centrale che il film vuole trasmettere è che la vita non si sceglie, si vive. A me ha dato modo di riflettere molto e mi ha emozionata, facendomi vedere allo stesso tempo bellissimi scorci della Francia e della Spagna.

Potete acquistare il DVD cliccando qui.

Memorie di una Geisha

Memorie di una Geisha

Memorie di una Geisha non è un film di viaggio ma, a modo suo, riesce a portare chi lo guarda dritto in Giappone. Il filo conduttore è il mondo esotico delle Geisha, artiste e intrattenitrici giapponesi, che da sempre mi hanno affascinata per i loro modi raffinati e le loro tradizioni millenarie. E’ uno spaccato del Giappone più tradizionale e nascosto che spesso viene frainteso da noi occidentali. Tutte le volte che lo guardo vengo trasportata direttamente tra i vicoli di Gion, a Kyoto, che quest’anno finalmente sono riuscita a vedere dal vivo dopo averlo sognato per così tanto grazie a questo film. Se anche voi, come me, siete amanti delle Geisha e dei loro bellissimi Kimono qui trovate il mio racconto su come trasformarsi in una Geisha a Kyoto.

Potete acquistare il DVD cliccando qui.

Marigold Hotel

Marigold Hotel

Se siete anche voi amanti dei colori sgargianti e dei paesaggi esotici dell’India non dovete assolutamente perdere questa divertente commedia ambientata proprio in Rajasthan, il regno dei Maharaja. I protagonisti sono un gruppo stravagante ed eclettico di pensionati britannici che hanno in comune solo il volo e la stessa destinazione: l’India e il Marigold Hotel. L’ambientazione affascinante e i dialoghi divertenti fanno emergere anche un lato più profondo sia del paese al centro del film che della capacità di adattamento in un paese straniero, che sembra inizialmente così distante dal modo di vivere a cui si è abituati ma che, in fondo, presenta molti aspetti comuni.

Potete acquistare il DVD cliccando qui.

Ogni cosa è illuminata

Ogni cosa è illuminata

Ogni cosa è illuminata è decisamente un film inusuale e alternativo. Anche l’ambientazione scelta è poco comune: Jonathan Safran Foer, studente americano con la passione per i cimeli di famiglia, decide di partire per un viaggio in Ucraina alla ricerca della donna che salvò suo nonno dai nazisti durante la Seconda Guerra Mondiale. E si ritroverà così a scoprire un Paese ancora oggi poco conosciuto e ad imbattersi nella cultura yiddish.

Potete acquistare il DVD cliccando qui.

L’ultimo Lupo

L'ultimo lupo

Il protagonista de L’ultimo lupo è Chen Zehn, uno studente di Pechino, che viene inviato in Mongolia per insegnare alle tribù nomadi della zona. Durante questa esperienza a contatto con una realtà profondamente diversa dalla sua, il giovane cinese capirà che quello che più ha da imparare è proprio lui: nonostante venga da zone più “civilizzate” scopre infatti che la cultura orale millenaria di queste comunità di pastori e l’esistenza dei lupi delle steppe, a loro inevitabilmente legate, hanno molto da insegnare a tutti noi. La cornice delle steppe mongole, poi, lo fa entrare immediatamente nella top 10 dei miei miei film di viaggio preferiti.

Potete acquistare il DVD cliccando qui.

Il fascino indiscreto dell’amore

Il fascino indiscreto dell'amore

Il fascino indiscreto dell’amore è il racconto di due universi culturali che vengono in contatto e cercano di capirsi il più possibile. Da una parte c’è Amélie, giovane belga nata per caso in Giappone, che da sempre sogna di tornare nel suo paese natale. Dall’altra, invece, si trova Rinri: uno studente giapponese che da sempre guarda al Vecchio Continente con ammirazione. E’ un film solo all’apparenza leggero e che fa vedere il Giappone da due punti di vista diametralmente opposti: quello di una ragazza occidentale appassionata di cultura giapponese e quello invece di chi il Giappone lo vive ogni giorno. Durante il mio viaggio in Giappone, di cui qui trovate tutto l’itinerario, mi sono rivista spesso in Amélie.

Potete acquistare il DVD cliccando qui.

I diari della motocicletta

I diari della motocicletta

E’ senza dubbio uno dei film di viaggio per eccellenza e riesce ancora, a distanza di anni dall’uscita nelle sale, ad incollare allo schermo tutti coloro che amano le avventure on the road. Siamo nel 1952 e due giovani universitari in sella ad una motocicletta, rinominata la Poderosa, decidono di attraversare diversi paesi dell’America Latina. Argentina, Cile, Perù, Colombia sono solo alcune delle tappe toccate da questi due viaggiatori d’eccezione durante quello che doveva essere solo un’avventura giovanile e che ha segnato invece irrimediabilmente le loro vite. I due giovani studenti sono, infatti, Alberto Granado ed Ernesto Guevara, detto “Che“.

Potete acquistare il DVD cliccando qui.

Mangia, prega, ama

Mangia prega ama

L’ho lasciato per ultimo solo perché forse è uno dei più conosciuti. Nonostante questo, lo trovo un film bellissimo che riesce allo stesso tempo a far scoprire un po’ di più della cultura di tre grandi Paesi – Italia, India e Indonesia – e ad affrontare il tema del cambiamento e della rinascita. Quello che compie Liz Gilbert, la protagonista, è infatti un viaggio dentro un viaggio che la porta ad allontanarsi dalla sua comfort zone, lasciando tutto quello che conosce e a cui è abituata, per avventurarsi in paesi stranieri che, a poco a poco, le faranno prendere più consapevolezza e la porteranno a scoprire se stessa.

Potete acquistare il DVD cliccando qui.

N.B. Tutte le immagini sono prese dai film e da internet e sono quindi di proprietà dei rispettivi proprietari.

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (2 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...
33 commenti su 10 film di viaggio da non perdere

Borghetto sul Mincio: cicloturismo alla scoperta di uno dei Borghi più belli d’Italia

Settembre è un po’ come il primo giorno dell’anno: simboleggia la ripartenza e ci porta ad impegnarci con tanti buoni propositi. Uno di questi è la remise en forme, ovvero…

Settembre è un po’ come il primo giorno dell’anno: simboleggia la ripartenza e ci porta ad impegnarci con tanti buoni propositi. Uno di questi è la remise en forme, ovvero il tentativo di lasciarsi alle spalle le abbuffate estive e i conseguenti chili di troppo presi durante la bella stagione. Nel mio caso, purtroppo, questi buoni propositi svaniscono in fretta di solito. Non sono amante delle palestre e, anche se ci ho provato più volte, i tentativi sono naufragati in un battito d’ali. Preferisco decisamente di più un bel giro all’aperto, che sia a piedi o in bicicletta. Mi mette di buon umore e mi permette di fare attività fisica e, allo stesso tempo, di visitare i bei borghi italiani. Domenica scorsa, infatti, approfittando del bel tempo e delle temperature più fresche ho deciso di partire in bicicletta e andare alla scoperta di Borghetto sul Mincio. In provincia di Verona, Borghetto è sicuramente un gioiello tutto da scoprire. E quale modo migliore di farlo se non in bicicletta?  Io mi sono divertita tantissimo  e, in vista del weekend, vorrei condividere con voi l’itinerario: semplicissimo e a prova di qualsiasi non-sportivo come la sottoscritta.

Borghetto sul Mincio

In bicicletta da Peschiera a Borghetto lungo la ciclabile del Mincio

Come vi anticipavo, Borghetto è un piccolo borgo medievale sospeso nel tempo. A pochi chilometri da Peschiera del Garda e da Valeggio sul Mincio, si trova in un’oasi di pace fatta del suono delle acque del fiume Mincio che scorre proprio in centro al paese e del cinguettio degli uccelli che nidificato tra i numerosi canneti. Piccoli ponti in pietra, casette colorate, mulini e piccole cascate fanno da cornice e creano quell’aura magica che contraddistingue Borghetto. Avete presente i piccoli villaggi delle fiabe? Ecco, Borghetto sembra uscito proprio da uno dei libri di fate e folletti che si leggono ai bambini prima di andare a dormire. Io, come loro, appena arrivata mi sono sentita trasportare in un’altra epoca, anzi in un’altra dimensione.

Borghetto sul Mincio

Essendo piccolissimo e chiuso al traffico, è d’obbligo, se si arriva in macchina, parcheggiare in uno dei parcheggi a pagamento subito fuori dal centro storico. Ma per vivere appieno l’atmosfera campestre e fiabesca, secondo me, la cosa migliore da fare è quella di arrivare in bicicletta percorrendo la pista ciclabile che, costeggiando il fiume Mincio, parte da Peschiera del Garda e arriva fino a Mantova.  Si tratta di un percorso cicloturistico semplice e pianeggiante adatto a tutti, grandi e piccoli. E’ perfetto per una gita in famiglia durante il weekend o per una fuga romantica in mezzo alla natura. La pista ciclabile da Peschiera a Borghetto è quasi tutta asfaltata e la durata della percorrenza è di circa 15 chilometri (30 se si vuole arrivare fino a Mantova). Durante i weekend è più frequentata ma si riesce comunque a muoversi liberamente seguendo il proprio ritmo.

Dove prendere la pista ciclabile del Mincio

Per prendere la ciclabile, dovete recarvi a Peschiera del Garda e, in particolare, nei pressi di Porta Brescia e del viadotto ferroviario. Nelle vicinanze troverete anche un ampio e comodissimo parcheggio gratuito in zona campo sportivo (sono ammessi anche i camper). Da qui, non vi resta che salire in sella alla vostra bicicletta e raggiungere il fiume da cui parte la ciclabile. Se non avete biciclette o se non avete voglia di portarvele dietro, ci sono anche diversi negozi che le noleggiano lungo la tratta.

Ciclabile del Mincio

Cosa vedere a Borghetto sul Mincio

Borghetto è davvero un concentrato di bellezza. E con concentrato, voglio dire che è davvero molto piccolo quindi non c’è pericolo di perdersi. Il centro storico, bagnato dalle acque del Mincio, è un susseguirsi di ristoranti e bar,  per fortuna in perfetta armonia con l’ambiente. Da vedere, sparsi per il borgo, sono assolutamente i suoi tre mulini ad acqua, veri protagonisti.  Nel cuore del Borgo si trova, poi, anche la chiesa di San Marco Evangelista, una ricostruzione in stile neo-classico dell’antica pieve romanica dedicata a Santa Maria risalente al XI secolo.

Dopo esservi fermati a riposare e a degustare del buon vino, potete recarvi al ponte Visconteo, costruito nel 1393 per volere di Gian Galeazzo Visconti. E’ in realtà una grande diga fortificata collegata al vicino castello Scaligero. Quest’ultimo si trova su un’altura che domina tutto Borghetto e la valle del Mincio. Per raggiungerlo vi aspetta una discreta salita (io ho sofferto più questa che non tutto l’itinerario in bicicletta, forse perché avevo appena finito di abbuffarmi di tortelli). Protetto da tre ponti levatoi e da torri merlate, il castello doveva essere davvero imponente negli anni del suo massimo splendore. Oggi, sono visibili solo i resti delle mura perimetrali, la Torre Rotonda e la Rocca a cui si può anche accedere. In estate, nel cortile interno, vengono organizzati anche spettacoli e proiezioni cinematografiche.

  • Indirizzo: via degli Scaligeri – 37067 Valeggio sul Mincio VR

  • Orari e prezzi: il piazzale è aperto tutti i giorni; la Rocca, le torri e i suoi camminamenti sono visitabili solo Domenica e festivi, dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 15.00 alle 18.00. Il costo del biglietto è di 2€.

Borghetto sul Mincio

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (2 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...
2 commenti su Borghetto sul Mincio: cicloturismo alla scoperta di uno dei Borghi più belli d’Italia

Il Castelluccio di Gela: tra storia e leggenda

Vi ho già raccontato della leggenda della Torre di Manfria e del Gigante Manfrino, a cui deve il nome. Durante il mio soggiorno a Gela, ho ascoltato diverse storie riguardanti…

Vi ho già raccontato della leggenda della Torre di Manfria e del Gigante Manfrino, a cui deve il nome. Durante il mio soggiorno a Gela, ho ascoltato diverse storie riguardanti quella che è una delle più antiche città siciliane. I gelesi vanno fieri della loro tradizione e da sempre si sono tramandati oralmente racconti e leggende riguardanti la propria terra. Tra le tante, mi ha colpita molto quella del Castelluccio, un castello ormai abbandonato situato a circa 10 chilometri da Gela, più precisamente in contrada Spadaro. 

IMG_4764.jpg

Il Castelluccio nella storia

Si erge, imponente, sopra una collina di gesso e dalla sua posizione sopraelevata domina la costa e difende la piana di Gela da prima del 1143. Il Castello Svevo, conosciuto ormai da tutti come il Castelluccio, è probabilmente di origine normanna e serviva principalmente come edificio residenziale e, forse, come palazzo fortificato. La sua pianta rettangolare, di simmetria quasi perfetta, è circondata da un muro di cinta e da due torri terminali a base quadrata. Quella occidentale conteneva una volta una cisterna per la raccolta dell’acqua piovana, mentre l’altra ospita una cappella scavata nella parete visibile ancora oggi. Per la costruzione del castello furono utilizzate pietre locali gessose e per le rifiniture pietre calcaree. 

Negli anni, il Castelluccio ha subito però numerosi danni e, nonostante i restauri effettuati negli anni Novanta, oggi si trova in condizioni abbastanza precarie. All’interno sono stati costruiti una scala e un ponteggio che permettono ai visitatori di arrivare fino alla sommità del castello e di ammirare da lì tutto il panorama della piana di Gela. 

IMG_4751

Il Castello Svevo è visitabile tutti i giorni, in quanto ad ingresso libero e anzi abbastanza abbandonato. Il mio consiglio è quello di recarsi di giorno sia perché la strada per arrivare è sterrata e piena di buche (in realtà crateri) sia perché se volete avventurarvi all’interno delle mura e  salire, magari, fino alla cima delle torri è veramente sconsigliabile farlo con il buio. Io avevo abbastanza paura anche in pieno giorno. Se siete in zona, però, merita una visita per il panorama che dalla sua posizione potete godere. 

IMG_4744

La leggenda del Castelluccio e della bella castellana dalle labbra verdi

Come vi ho anticipato, anche il Castelluccio nasconde una leggenda riguardante una bella castellana e un misterioso tesoro. Narra la storia che fosse la dimora di una dama bellissima dalla folta chioma nera e dalle labbra dipinte di uno strano rossetto verde. Era talmente insolito che si credeva fosse prodotto con la sua stessa bile. Nonostante la sua straordinaria avvenenza, tutti i contadini della zona ne avevano profondo timore in quanto si vociferava fosse estremamente crudele con i servitori. Inoltre, chiunque provasse ad avvicinarla spariva nel nulla. Con la sua voce suadente, intonava canzoni da lei stessa scritte e ammaliava i rari ospiti prima di farli scomparire nel nulla.  Era, dunque, una persona insolita ed alquanto ambigua e nessuno, a parte durante le riunioni d’armi indette da suo marito signore del castello, frequentava mai il Castelluccio. Per comunicare con lei, i sudditi si affidavano a messaggeri o a colombi viaggiatori. Entrambi, però, non facevano mai ritorno. Col tempo, si sparse la voce che il palazzo fosse abitato da fantasmi e strane ombre che si aggiravano per i corridoi a guardia di un grande tesoro: a trovatura. E di notte, la nobildonna dalle labbra verdi, parlava con questi spiriti come se fossero persone reali. 

IMG_4763

Un giorno, all’improvviso, i contadini non sentirono più alcun rumore provenire dal castello così si fecero coraggio e si avvicinarono per vedere cosa fosse successo. Con grande sorpresa, scoprirono che il castello era completamente disabitato. Da allora tutti riuscirono a dormire serenamente e della castellana e dei suoi misteriosi abitanti non si seppe più nulla. Anche il tesoro non venne mai trovato ma, al suo posto, è stato scoperto invece un passaggio segreto reale che collega l’interno del castello con la città di Gela, più precisamente conduce alla Chiesa di San Benedetto, detta A Batia. Io non mi sono cimentata nella ricerca del tunnel misterioso ma se qualcuno di voi dovesse andare mi faccia sapere se lo trova. 

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...
Nessun commento su Il Castelluccio di Gela: tra storia e leggenda

Type on the field below and hit Enter/Return to search