Checked - In

Checked - In

Racconti e pensieri di una girovaga sognatrice alla scoperta del mondo e di se stessa

Tag: Tokyo

Itinerario di 2 giorni a Tokyo – Parte Seconda: Carta di Riso, Teatro Kabuki, Ciliegi in Fiore e la Follia dei Manga

Nella prima parte del mio itinerario di due giorni a Tokyo vi ho raccontato di Shinjuku e Shibuya, due quartieri molto moderni e sinonimo della vita notturna della capitale giapponese….

Nella prima parte del mio itinerario di due giorni a Tokyo vi ho raccontato di Shinjuku e Shibuya, due quartieri molto moderni e sinonimo della vita notturna della capitale giapponese. Le loro luci al neon e la costante frenesia che li contraddistinguono hanno soddisfatto appieno le mie aspettative e mi hanno completamente stregata. Tokyo però non è solo grattacieli e futurismo. Durante il secondo giorno a zonzo per la città ho avuto modo infatti di esplorare quartieri più tradizionali come Asakusa, il cuore storico, e di immergermi nella bellissima oasi naturale che è il parco di Ueno.
Ma andiamo per gradi. Quindi armatevi di scarpe comode e di tanta curiosità per continuare il viaggio in questa metropoli dai mille volti.

Tsukiji, Ginza, Asakusa, Ueno e Akihabara

Tsukiji TokyoDi buon mattino ho cominciato la mia avventura da Tsukiji, il mercato ittico più grande del mondo. La parte interna è aperta al pubblico a partire dalle 9 di mattina, ma assicuratevi di essere già lì al momento dell’apertura perché i banchi del pesce si svuotano in fretta e quindi c’è il rischio di non riuscire a vedere nulla. Per i più appassionati, si può partecipare anche all’asta dei Tonni ma per questa bisogna svegliarsi molto presto perché si tiene in due turni: il primo dalle 5.25 alle 5.50 e il secondo dalle 5:50 alle 6:15. Ogni turno ammette l’ingresso a soli 60 visitatori quindi è inutile dirvi che, vista l’enorme coda, se volete avere una speranza vi conviene recarvi lì per le 2:30, 33 del mattino al massimo. Io confesso di aver rinunciatoe di aver preferito il comodo letto (sì, lo ammetto le levatacce non sono il mio forte 🙂 ).

Spostatevi poi verso Ginza, il quartiere raffinato e chic dove si susseguono uno dietro l’altro i negozi delle più grandi marche mondiali.

Kyukyodo Store

Tra tutte queste boutique di lusso, io ho scelto di fare un salto al Kyukyodo, un negozio di carta e artigianato giapponese che rifornisce anche la famiglia imperiale. Ottimo per dei souvenir originali; io, per esempio, ho preso un bellissimo album porta fotografie fatto con carta di riso su cui ci sono bellissime stampe di ventagli.

A Higashi Ginza, si trova anche un teatro Kabuki – il Kabukiza Theatre- in cui con soli 800 yen vi sarà possibile visitare il museo e assistere a 3 minuti di performance con audio guida. Non andateci di domenica perché la galleria è chiusa e si può solo assistere allo spettacolo per intero.

Finito il giro nel quartiere bon ton per antonomasia, spostatevi invece verso Asakusa che rappresenta invece la vecchia Tokyo. E’ infatti un quartiere ricco di storia e tradizioni, in cui il tempio buddhista Senso-ji la fa da padrone.Oggi, purtroppo, ci dobbiamo accontentare della ricostruzione del XX secolo, in quanto quello originale è stato distrutto, come tante altre cose, dalle bombe americane durante la Seconda Guerra Mondiale. Le strade e gli edifici di Asakusa hanno, bene o male, retto però sia alla distruzione della guerra sia al grande terremoto del 1923 ed è per questo che mantiene il fascino della vecchia Edo. Camminate quindi senza meta per le stradine tradizionali e varcate la Kaminarimon, la porta del fulmine famosa per la sua grande lanterna rossa, da cui si accede al tempio.

 

Kagetsudo Melonpan Asakusa Per uno spuntino, fate un salto da Kagetsudo Melonpan specializzato fin dal 1945 nella produzione del Melonpan . Che cos’è? Una specie di brioche dolce che si può mangiare così oppure si può farcire con gelato alla vaniglia o al gusto matcha.
Molto bella è anche la camminata lungo il fiume, che durante l’Hanami si colora del rosa dei fiori di ciliegio, da cui si può ammirare anche la Tokyo Sky Tree proprio lì di fianco. Con i suoi 634 metri d’altezza è l’edificio più alto del Giappone e si fa subito notare per la sua modernità in mezzo agli edifici bassi e in legno tipici di Asakusa. Io personalmente non sono salita, vi dico però che è aperta dalle 8 alle 22 e vi lascio il link del sito ufficiale in cui potete trovare tutte le informazioni sui costi e su come raggiungerla.

Ueno ParkDa Asakusa mi sono poi spostata verso Ueno, famoso sopratutto per il suo enorme parco al cui interno si trova anche lo zoo. Durante i weekend di primavera è preso d’assalto dai giapponesi che vengono qui a fare un picnic mentre ammirano i ciliegi in fiore. All’interno si trovano anche delle tipiche case da tè, in cui fermarsi per una sosta rigenerante.

Per concludere, mi sono diretta poi ad Akihabara, la città dell’elettronica famosa in tutto il mondo.
Akihabara però non è solo tecnologia: di fianco agli store della Sega e di videogiochi si possono trovare i negozi più strani e bizzarri. E’ il regno delle fumetterie per appassionati di manga, anime ed action figure. Ci sono anche molti negozi che trattano gli anime porno, che in Giappone non sono affatto un tabù. Anzi, questo quartiere è pieno anche di sexy shop e di Maid Cafe, ovvero dei bar in cui si viene serviti da delle ragazze vestite da governanti del passato, con grembiulini e merletti, che offrono la massima devozione ai clienti con frasi e gesti di massimo rispetto. Sono aperti anche ai turisti e, essendo in Giappone, non credo che cerchino d fregare gli stranieri. State però attenti a cosa ordinate e scegliete le cose direttamente dal menù per non incorrere magari in conti molto salati. Chūōdōri, la via principale, la domenica è chiusa al traffico e avrete quindi modo di passeggiare liberamente alla scoperta di questa mecca dell’elettronica, che dà il massimo di sé la sera quando il sole cala e si accendono invece le luci coloratissime delle sale gioco.

 

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...
Nessun commento su Itinerario di 2 giorni a Tokyo – Parte Seconda: Carta di Riso, Teatro Kabuki, Ciliegi in Fiore e la Follia dei Manga

Itinerario di 2 Giorni a Tokyo – Parte Prima: tra Grattacieli, Templi Shintoisti, Noodles e Purikura

Quando ci si immagina Tokyo, si pensa ad una città estremamente moderna piena di grattacieli i cui cartelloni pubblicitari risplendono di mille colori e illuminano a giorno le strade piene…

Quando ci si immagina Tokyo, si pensa ad una città estremamente moderna piena di grattacieli i cui cartelloni pubblicitari risplendono di mille colori e illuminano a giorno le strade piene di persone e di businessmen in giacca e cravatta. Ebbene, è proprio così. In particolare questa descrizione altro non è che Shinjuku, un quartiere, o forse sarebbe meglio dire una città a sé stante, sinonimo della vita notturna e della frenesia di Tokyo. E’ senza dubbio il luogo perfetto dove soggiornare: è vicinissimo alla stazione dei treni e dei pullman, una delle più grandi in assoluto, e grazie alla sfilza di pub, bar, ristoranti e attività non avrete un momento di noia. Anche io ho scelto di pernottare come vi ho raccontato nel mio itinerario di 15 giorni in Giappone a Shinjuku, in particolare allo Citadines Shinjuku Tokyo, ottimo perché in pieno centro a pochi minuti di distanza dalla stazione JR e dalle fermate della metro.

Shinjuku
Tokyo è una delle metropoli più popolate e dinamiche del mondo e come tale riesce ad affascinare chiunque perché combina futuristiche meraviglie tecnologiche alla più antica tradizione nipponica. Vi capiterà infatti spesso di passare da una strada trafficata piena di luci al neon e di edifici super moderni a dei magnifici santuari immersi nella natura in cui non vi sembrerà nemmeno di essere in una grande città. 

I quartieri sono di conseguenza molto diversi tra loro e se avete come me poco tempo a disposizione vi lascio l’itinerario di 2 giorni che ho seguito io come punto di partenza per pianificare la vostra visita. Per muovermi ho usato solo la metropolitana ( il pass giornaliero che vi permette di spostarsi illimitatamente per 24h costa 600 yen) e la linea JR Yamanote Line, compresa nel JR Pass e quindi gratuita per chi ce l’ha. A questo link potete scaricare la mappa della metro in inglese. 

Shinjuku, Harajiku, Roppongi, Shibuya

Se soggiornate a Shinjuku, la mattina presto vi basterà spostarvi a piedi e con una camminata di circa 10 minuti raggiungerete la prima meta dell’itinerario giornaliero, ovvero il Palazzo del Governo di Tokyo. E’ un ottimo punto di partenza perché dal suo 45esimo piano potrete ammirare una magnifica vista panoramica da 202 metri di altezza su tutta Tokyo e potrete così capire quanto è grande e dove sono situati i vari quartieri. Il tutto, udite udite, gratuitamente.

Meiji JinguUna volta capita l’enorme estensione della capitale giapponese, mi sono spostata verso il quartiere di Harajuku, fermandomi però prima al Meiji Jingu, uno dei santuari shintoisti più importanti del Giappone. Si trova immerso in un bellissimo parco in cui l’unico suono che sentirete è il cinguettio degli uccellini e dimenticherete di trovarvi nel cuore della vibrante metropoli.DSC_0012 1

Foto 08-04-18, 12 48 06Dopo questa pausa zen, dirigetevi a piedi verso Takeshita Street, una piccola strada molto frequentata dai giovani centro della moda giovanile di Tokyo. Qui troverete tantissimi negozi che vendono le cose più disparate: dai negozi di abbigliamento cosplayer a quelli che fanno zucchero filato colorato e gigantesco.Una chicca da non perdere: poco dopo l’ingresso con il nome della via, venendo dalla stazione JR, sulla vostra destra troverete delle scale che vi conducono ad un piano interrato paradiso delle teenager giapponesi. Che cos’è? Una Purikura, ovvero le cabine fotografiche giapponesi. Chiamarle così è riduttivo perché sono in realtà divertenti box fotografici che vi permettono di personalizzare le foto con una miriade di effetti, filtri ed immagini per renderle più kawaii ( parola con cui i giapponesi identificano tutte le cose “carine”). Ogni macchina ha temi diversi: da quelle che lisciano la pelle e ingigantiscono gli occhi a quelle che vi trasformano in Barbie e Ken. Assolutamente da provare. Purikura Harajuku

RoppongiA questo punto, se siete delle buone forchette come me, vi sarà venuto un certo appetito. Dirigetevi quindi in metro verso Roppongi, famoso per la Mori Tower sede della stazione televisiva Asahi TV che trasmette tra gli altri anche il cartone animato Doraemon e per i numerosi ristoranti. Io ho scelto di provare i famosi udon giapponesi al Tsurutontan, molto carino perché oltre ad avere piatti veramente enormi permette anche di scegliere la sala giapponese con i tavoli bassi e il tatami. Se capitate nel periodo dell’Hanami, la fioritura dei ciliegi, dopo pranzo fate un giro sulle Roppongi Hills, ottimo punto per ammirare i Sakura.

IMG-20180407-WA0011

Shibuya, altro quartiere molto alla moda, dove appena usciti dalla stazione vi imbatterete nella famosa statua in omaggio ad Hachiko, il cagnolino che dopo la morte del suo padrone si è recato ogni giorno alla stazione come faceva sempre per andargli in contro di ritorno del lavoro. Avete mai visto il film? Io verso fiumi di lacrime tutte le volte, mannaggia a me. Appena tramonta il sole, Shibuya si trasforma e anche qui le luci a led prendono possesso della città. Immancabile è la foto di rito mentre si attraversa l’incrocio più trafficato del mondo 😉

IMG-20180407-WA0010

Genki Sushi ShibuyaPer cena vi consiglio il Genki Sushi sempre a Shibuya, ovvero un ristorante di sushi a nastro in cui sarà un simpatico trenino proiettile a recapitarvi le ordinazioni. Un consiglio: essendo sempre molto pieno, andate subito al ristorante e segnate il vostro nome e il numero di persone sulla lista così, se c’è tanto da aspettare, potete fare un giro nell’attesa. Dopo non vi resterà che immergervi nella fantastica vita notturna di Shibuya e Shinjuku e alla sua via più famosa Kabuki Cho prima di fare ritorno all’hotel. Anche se viene definita il quartiere a luci rosse di Tokyo, Kabuki Cho in realtà è solo una strada molto frequentata ma in cui è sicuro muoversi anche se siete da soli. Se siete ragazze probabilmente non vi guarderanno nemmeno, se siete ragazzi invece è probabile che veniate avvicinati da qualche ragazzo di colore che cerca di farvi entrare nei locali. Rifiutate sempre e fate attenzione perchè, essendo locali gestiti per lo più dalla Yakuza, la “mafia giapponese”, è probabile che la serata finisca con una bella truffa. Mentre camminate sentirete infatti continuamente avvertimenti dagli altoparlanti e ci sono anche molti agenti che controllano la zona. Ma come detto non abbiate paura perché è assolutamente sicuro, a maggior ragione perché i guadagni della Yakuza provengono proprio dalle sale gioco e dai locali che gestiscono quindi fanno di tutto per evitare problemi ed allontanare quindi le persone. 

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...
2 commenti su Itinerario di 2 Giorni a Tokyo – Parte Prima: tra Grattacieli, Templi Shintoisti, Noodles e Purikura

Type on the field below and hit Enter/Return to search