Checked - In

Checked - In

Racconti e pensieri di una girovaga sognatrice alla scoperta del mondo e di se stessa

Tag: Verona

Verona romantica: la leggenda del Pozzo dell’Amore

Verona, la città dell’amore o forse sarebbe meglio dire la città delle tragedie amorose. Nell’ultima gita nella città scaligera, di cui potete vedere l’itinerario a piedi qui, ho infatti scoperto…

Verona, la città dell’amore o forse sarebbe meglio dire la città delle tragedie amorose.

Nell’ultima gita nella città scaligera, di cui potete vedere l’itinerario a piedi qui, ho infatti scoperto un’altra vicenda romantica che ha avuto luogo tra le strade veronesi ed in particolare in una piccola piazzetta nascosta proprio a due passi dalla ben più nota Piazza Erbe. La leggenda del Pozzo dell’Amore.

La leggenda narra che ai tempi del Sacro Romano Impero nel lontano 1500, un avvenente soldato di nome Corrado di San Bonifazio si innamorò di Isabella, una nobildonna veronese del casato dei Donati. Il giovane perdutamente innamorato ogni giorno cercava in tutti i modi di conquistare il cuore della bella fanciulla. Nonostante i vari tentativi, però, lei non sembrava ricambiare i sentimenti e anzi si dimostrava  estremamente fredda e indifferente al corteggiamento di Corrado. In un grigio e freddo giorno di febbraio i due si incontrarono proprio nella piazzetta di fianco alla chiesa di San Marco ad Carceres e il ragazzo, avendo ormai perso le speranze di conquistare l’amata, le disse che il suo cuore era freddo come l’acqua che si trovava in fondo al pozzo lì vicino. Lei lo sfidò quindi a verificare di persona se l’acqua fosse veramente così gelida e così il giovane si buttò senza pensarci nel pozzo.  Isabella, inorridita dall’effetto che le sue parole avevano provocato sul giovane si gettò a sua volta nel pozzo per seguire l’uomo che con il tempo, nel segreto del suo cuore, aveva imparato ad amare. Da allora il pozzo viene chiamato “Pozzo dell’Amore” in ricordo dei due innamorati. Come disse Shakespeare “se non ricordi che Amore t’abbia mai fatto commettere la più piccola follia, allora non hai mai amato”.

Per trovarlo, vi basterà andare in Vicolo San Marco in Foro, una traversa di Corso Porta Borsari, proprio dietro Piazza delle Erbe. Una volta qui non vi resterà che gettare un soldino, come recita la targa incisa sul pozzo, e pensare intensamente al proprio amore per vederlo arrivare. Nel caso non dovesse funzionare, le monete raccolte servono per finanziare i progetti del Club di Giulietta, un’associazione molto particolare che ogni anno risponde a migliaia di lettere che gli innamorati di tutto il mondo inviano a Giulietta in cerca di aiuto. Chissà magari il desiderio di qualcuno si avvererà .

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (No Ratings Yet)
Loading...
2 commenti su Verona romantica: la leggenda del Pozzo dell’Amore

Cosa vedere a Verona in un giorno: una caccia al tesoro nella città di Romeo e Giulietta alla ricerca dei luoghi meno conosciuti

Quando si pensa a Verona la prima immagine che fa capolino è quella della bella Giulietta che aspetta il suo innamorato Romeo sul balcone. E’ sicuramente una delle città più…

Quando si pensa a Verona la prima immagine che fa capolino è quella della bella Giulietta che aspetta il suo innamorato Romeo sul balcone. E’ sicuramente una delle città più romantiche del mondo ed è un’ottima meta se si vuole fare un giro in una domenica primaverile. E’ infatti facilmente raggiungibile sia in treno che in auto (anche i collegamenti aerei sono molto buoni) ed essendo a misura d’uomo la si può visitare comodamente a piedi. Ma non ci sono solo Romeo e Giulietta, anzi le attività a disposizione sono tantissime: dalle manifestazioni che vengono organizzate un weekend sì e l’altro anche, alle mostre e ai concerti all’Arena. Per non parlare poi degli infiniti negozi in cui poter fare shopping e i locali dove fermarsi per una sosta rigenerante. Insomma ce n’è veramente per tutti i gusti.

La scorsa domenica, approfittando della prima giornata di sole, abbiamo deciso anche noi di fare una passeggiata tra le strade della bella città scaligera. Avendo studiato qui, ho avuto modo di esplorarla abbastanza bene ma devo dire che ogni volta che torno riesce a regalarmi sempre qualcosa di nuovo.  Questa volta, ho deciso di sfruttare un regalo che mi è stato fatto da un’amica tempo fa: Amor Verona. Si tratta di una guida molto particolare che attraverso una caccia al tesoro porta a scoprire i luoghi meno conosciuti di Verona.

Come funziona vi chiederete? Semplice, basta acquistare la guida (su Amazon la si trova a meno di 20€ e si può usare due volte, nel caso vi interessasse questo è il link da cui poterlo acquistare ) e avere un cellulare a disposizione. Poi, giusto il tempo di inviare un sms,e vi ritroverete a cercare indizi nei posti più improbabili della città per risolvere gli enigmi che man mano vi saranno inviati sempre per messaggio. E il tesoro? Beh oltre a trovare niente meno che l’arco e le frecce del dio dell’Amore Eros, scoprirete anche tantissimi aneddoti interessanti sulla città e i suoi abitanti nonché veri e propri gioielli nascosti che magari passerebbero inosservati, il tutto divertendovi e tornando un po’ bambini.

 

Di seguito vi lascio il nostro itinerario a piedi di mezza giornata, ovviamente senza le soluzioni della caccia al tesoro altrimenti che bello c’è ☺.

Castelvecchio, Ponte Scaligero e Arco dei Gavi

Avendo parcheggiato nelle vicinanze, abbiamo deciso di cominciare la caccia al tesoro partendo dalla zona Sud rispetto a Piazza Erbe quindi il primo indizio da cercare era in zona Castelvecchio. Quest’enorme fortezza, oggi un museo con esposizioni di arte medievale e moderna, fu prima una residenza signorile, poi l’Accademia militare durante la Serenissima e ospitò nel 1944 anche Il Processo di Verona con il quale vennero condannati a morte i gerarchi fascisti che avevano fatto deporre Mussolini. Ma, grazie alla guida, abbiamo scoperto un racconto romantico successo proprio in quegli anni che fa capire come, anche in un momento buio della storia come questo, l’Amore riesca a nascere e a resistere (sì lo so sono una romanticona).Tra i prigionieri fucilati infatti c’era anche l’ex ministro degli esteri dell’Italia fascista, nonché marito della figlia del Duce, Galeazzo Ciano. Si dice che egli fosse un prigioniero particolare, in quanto i tedeschi volevano ottenere da lui i suoi diari in cui c’erano scottanti rivelazioni sui rapporti sui primi anni di guerra tra Italia e Germania. Per questo, mandarono una bellissima spia di nome Hildegard a visitare ogni giorno Ciano per riuscire a carpire dove avesse nascosto i diari. Ma la ragazza finì con l’innamorarsi di Ciano, concedendo così al prigioniero un trattamento privilegiato. Galeazzo però non dimenticò mai la moglie e lo stesso fece lei: nonostante varie scappatelle da entrambe le parti, Edda non lo abbandonò mai e anzi cercò in ogni modo di salvare la vita al marito che amava.

Piazza Bra e l’Arena

Uno dei luoghi più visitati di Verona è sicuramente Piazza Bra con la sua famosissima Arena. Non tutti però sanno che la piazza è illuminata da tantissimi lampioni numerati ma disposti a caso senza un ordine logico. Un piccolo mistero che nessuno è ancora riuscito a risolvere. Per una pausa, ci si può sedere all’ombra degli alberi del giardino a forma di trifoglio accanto all’Arena, al centro del quale si può ammirare la fontana donata dalla città di Monaco di Baviera in cambio di una statua di Giulietta che ancora oggi si trova nella città bavarese.

Casa di Giulietta 

Oh Romeo, Romeo, perché sei tu Romeo? E’proprio dal balcone in Via Cappello che la bella Giulietta languiva d’amore per il suo amore proibito. Essendo così conosciuto, oggi è preso d’assalto dai turisti e ha quindi perso un po’ la sua patina romantica. Ma se si vuole sfuggire dai flash dei turisti e stare un po’ a tu per tu con il proprio Romeo o la propria Giulietta, ci si può rifugiare all’interno della caratteristica osteria Locandina Cappello, dove gustare ottimi piatti tradizionali veronesi sorseggiando un prosecchino.

Piazza dei Signori, Torre dei Lamberti e Piazza Erbe 

Altra meta imperdibile è sicuramente Piazza Erbe. Fulcro della vita cittadina, è da sempre il cuore di Verona con i suoi palazzi d’epoca e i suoi bar storici. Ai lati della piazza si trova l’Arco della Costa, da cui pende un’enorme costola. Nessuno sa quando e chi l’ha posizionata, alcuni pensavano fosse la costola del diavolo, altri una reliquia portata dai crociati. Molto probabilmente si tratta di una costola di balena usata come insegna fuori da un emporio. L’unica cosa certa è che fino a qualche decina d’anno fa gli studenti dell’università di Padova si divertivano a far sparire durante la notte la costola e a riportarla poi a distanza di qualche giorno, per dimostrare ai colleghi veronesi la loro incapacità di difenderla.

 

Da qui si arriva poi alla Piazza dei Signori e quindi al Palazzo della Ragione e alla Torre dei Lamberti, da cui ammirare una vista dall’alto del centro storico di Verona.

Ponte Pietra e Castel San Pietro

Questa che vedete qui sopra in foto è la collina su cui è arroccato Castel San Pietro. Si raggiunge attraversando Ponte Pietra e salendo per la scalinata che porta direttamente sulla cima. Da quassù si ha una magnifica vista su Verona e sull’Adige che la racchiude.

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (No Ratings Yet)
Loading...
2 commenti su Cosa vedere a Verona in un giorno: una caccia al tesoro nella città di Romeo e Giulietta alla ricerca dei luoghi meno conosciuti

Type on the field below and hit Enter/Return to search