fbpx

Checked - In

Checked - In

Racconti e pensieri di una girovaga sognatrice alla scoperta del mondo e di se stessa

Tag: Viaggi fai da te

Giappone: 4 cose fondamentali da prenotare prima della partenza

Nell’ultimo blogpost vi ho parlato del mio itinerario di 15 giorni alla scoperta del Giappone, un viaggio davvero ricco di emozioni che consiglio a tutti coloro che hanno voglia di…

Nell’ultimo blogpost vi ho parlato del mio itinerario di 15 giorni alla scoperta del Giappone, un viaggio davvero ricco di emozioni che consiglio a tutti coloro che hanno voglia di allontanarsi dalla comfort zone e di immergersi invece in una cultura per molti versi estremamente diversa rispetto alla nostra. E’ una di quelle mete che, ancora oggi, vuoi per la distanza vuoi per la lingua o per il costo (che è più una diceria come vi ho spiegato qui) spesso non è presa in considerazione per un viaggio a lungo raggio. In realtà, in base alla mia esperienza, devo dire che il Giappone è uno dei paesi in cui mi sono sentita più a mio agio e in cui ho avuto meno problemi a muovermi e ad orientarmi. Nonostante le normali paure iniziali del tipo “chissà se capirò qualcosa”, una volta arrivati vi accorgerete subito che è tutto talmente ben organizzato che chiunque riesce a spostarsi in autonomia facilmente. Ecco, essendo un paese estremamente sicuro (potete passeggiare tranquillamente di notte con la borsa aperta e nessuno vi toccherà mai niente) il mio consiglio è quello di organizzare un viaggio “fai da te”. E’ una di quelle mete che veramente si visitano meglio in autonomia, così da poter decidere liberamente in base ai propri interessi cosa vedere e cosa tralasciare vista l’enorme offerta che c’è.

Oggi vi voglio raccontare delle 4 cose fondamentali che mi sono state di enorme aiuto durante il mio viaggio nel Sol Levante. Sono tutte prenotabili dall’Italia e vi saranno estremamente utili una volta arrivati.

Japan Rail Pass

Il modo migliore per spostarsi in Giappone è sicuramente il treno. Sono velocissimi, ben organizzati, comodi e sopratutto puntuali. Se la partenza è prevista per le 8.33 state pur certi che alle 8.33 in punto il treno sta partendo e arriverete sempre all’orario che è riportato. Un po’ come da noi insomma 🙂 La rete ferroviaria è enorme e collega ogni angolo del paese: si va dai treni locali che fermano in ogni stazione ai “bullet train”, i treni proiettile che sfrecciano velocissimi e vi portano in men che non si dica da una città all’altra. La cosa bella è che per i turisti è disponibile un abbonamento veramente conveniente che permette di prendere la maggior parte dei treni senza ulteriori costi. Il Japan Rail Pass.

Come funziona? Semplice: il JR Pass si può acquistare esclusivamente fuori dal Giappone ed è valido su tutte le linee JR del Giappone (ad eccezione del Nozomi e del Mizuho Shinkansen, che tra l’altro a me non sono mai serviti). In più è valido anche per la Tokyo Monorail, che collega le principali zone turistiche della capitale e sui bus JR locali, altra valida alternativa ai treni. Si può scegliere tra varie opzioni in base al numero dei giorni in cui si intende stare. Io per esempio ho scelto quello da 14 giorni, che ha un costo di 349€. Considerate che potete prendere anche tutti i treni da e per gli aeroporti illimitatamente.

Come si acquista? Come vi dicevo il pass può essere acquistato solo ed esclusivamente dai turisti prima di arrivare in Giappone. Lo potete trovare a questo link che vi manda al sito ufficiale e una volta completato l’acquisto vi verrà inviato un voucher stampabile da scambiare una volta arrivati. Lo scambio può essere fatto entro 3 mesi dall’acquisto in qualsiasi ufficio della JR ( sono ovunque: negli aeroporti e in tutte le stazioni, qui comunque vi lascio il link con i principali) presentando il proprio passaporto.

Come si usa? Una volta scambiato e ottenuto il vero e proprio pass nominale, vi basterà mostrarlo ai controllori addetti prima di passare i tornelli d’ingresso nelle stazioni. La prima volta ve lo timbreranno con la data che è attesta l’inizio di validità. Molto comodo è anche il servizio, sempre gratuito, di prenotazione dei posti a sedere sui treni che lo prevedono. Anche in questo caso vi basterà andare in uno dei tanti uffici JR in stazione e richiedere la prenotazione del posto per la tratta e l’orario che preferite senza ulteriori costi aggiuntivi. Se non lo prenotate, sono comunque presenti nel 99% dei casi le carrozze senza obbligo di prenotazione. Come si fa a sapere quale treno bisogna prendere? Leggete sotto e lo scoprirete.

Hyperdia

Altro strumento essenziale, collegato al JR Pass, è un’applicazione giapponese che si può scaricare gratuitamente su telefono e tablet. E’ fondamentale perché immettendo la stazione di partenza e quella di arrivo mostra tutti gli itinerari possibili, con tanto di orari, binari di partenza, fermate intermedie e prezzi. Se avete il JR Pass poi, vi dice anche se quel particolare treno è compreso nell’abbonamento e se è possibile riservare i posti a sedere. E’ disponibile sia per iPhone che per Android.

Pocket Wifi

Per poter usare sempre l’App di Hyperdia ed essere sempre connessi, il modo migliore è quello di noleggiare un Pocket Wifi. E’ un router portatile che permette di collegare più dispositivi sempre e ovunque. Essendo piccolo, è comodo da portarsi dietro ed è anche molto economico considerando che permette di accedere ad internet 24h su 24. Se pensate a quanto vi costerebbe con le tariffe italiane il risparmio è davvero tanto. Anche questo è prenotatile prima di partire e ci sono diverse compagnie tra cui scegliere. Consiglio però di prenotarlo con abbastanza anticipo perché c’è il rischio, in alta stagione, di non trovarne disponibili. Io infatti ho provato prima con Global Advanced Communications ma purtroppo non ne avevano più.  Ho provato poi con Japan Wireless che invece l’aveva e mi sono trovata benissimo. Ho scelto il Premium Wi-Fi con uso illimitato per 15 giorni e l’ho pagato 7650 yen, circa 57€. Mentre si compila il format per la prenotazione, si può scegliere il periodo di tempo per cui noleggiarlo e dove e come ritirarlo. Io, per esempio, ho scelto di farmelo recapitare direttamente nel primo hotel in cui sarei stata ed ho quindi scritto l’indirizzo e il numero di telefono ( per precauzione ho anche inviato una mail all’hotel stesso per avvisarli) e al mio arrivo l’ho trovato lì. Nella confezione c’era anche una batteria extra e il caricatore. Anche la restituzione è molto facile: vi basterà metterlo nella busta con già i dati di spedizione che vi consegnano insieme al Pocket Wifi ed imbucarlo in qualsiasi cassetta postale ( io l’ho imbucato direttamente in quella dell’aeroporto di partenza, mi raccomando PRIMA di effettuare i controlli di sicurezza perché ovviamente poi non ne troverete più).

Trasporto bagagli

L’ultima cosa che mi sento di consigliarvi è il comodissimo servizio di trasporto bagagli. Uno degli inconvenienti nei viaggi con molti spostamenti sono infatti le valige pesanti ed ingombranti che bisogna portarsi dietro. In Giappone, patria dell’organizzazione, esiste però questo fantastico servizio che permette di farsi spedire i bagagli da una tappa all’altra. Essendo super affidabile e veloce, potrete muovervi più liberamente senza l’impiccio delle valige che troverete invece direttamente nell’hotel di arrivo. Io me li sono fatta spedire da Tokyo ad Hakone, da Hakone a Kyoto e da Kyoto ad Osaka e per il resto ho usato uno zaino ( per la precisione questo di Cabin Max che è veramente ottimo ed è anche delle dimensioni giuste del bagaglio a mano di tutte le compagnie aeree, Ryanair e EasyJet comprese) con l’occorrente per le poche notti in cui non avrei avuto a disposizione la valigia. Per poter usufruire del trasporto bagagli, vi basterà chiedere direttamente alla reception del vostro hotel e comunicare l’indirizzo di quello in cui volete che i bagagli vengano recapitati (di solito bisogna lasciarli entro le 07.30 del giorno di partenza). In base alla distanza, vi faranno pagare un importo (da Tokyo a Kyoto costa per esempio all’incirca 1900 yen) e vi faranno compilare una bolla con i vostri dati e il luogo di consegna. Dopo di che non vi resterà che partire molto più leggeri e non abbiate paura perché le valige le ritroverete sempre, stiamo parlando del Giappone dopotutto.



Booking.com

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (No Ratings Yet)
Loading...

Nessun commento su Giappone: 4 cose fondamentali da prenotare prima della partenza

Viaggio in Giappone: istruzioni per l’uso

Come promesso nell’articolo precedente 15 giorni in Giappone: itinerario giorno per giorno e sistemazioni, oggi vi vorrei dare qualche consiglio pratico per organizzare al meglio il vostro viaggio in Giappone e…

Come promesso nell’articolo precedente 15 giorni in Giappone: itinerario giorno per giorno e sistemazioni, oggi vi vorrei dare qualche consiglio pratico per organizzare al meglio il vostro viaggio in Giappone e sfatare alcuni falsi miti. Di seguito trovate un elenco con i suggerimenti su quando andare, dove alloggiare, come spostarsi e soprattutto quanto costa.

Quando andare in Giappone

Io personalmente ho scelto di andare in primavera perché da sempre immagino il Giappone colorato dal rosa dei ciliegi in fiore. Per riuscire ad assistere all’Hanami, la fioritura dei ciliegi appunto, il periodo migliore è quello di fine marzo e inizio aprile. Tenete presente però che essendo un fenomeno naturale non è possibile prevedere con esattezza i giorni esatti. Avendo prenotato i voli con più di sei mesi di anticipo, sono arrivata con una settimana di ritardo quindi non sono riuscita ad assistere alla massima fioritura. Nonostante la grandissima delusione iniziale (e le continue lamentele che tutti si sono dovuti sorbire prima della partenza), a parte a Tokyo, sono sempre riuscita a vederli e ammetto che una volta lì i sakura sono anche passati in secondo piano. Tenete presente che il clima è come da noi, quindi visto che in primavera il tempo è sempre un po’ instabile è meglio portare anche abiti pesanti e qualche anti-pioggia perché quando piove o quando si alza il vento l’aria diventa veramente gelida. Se volete organizzare il viaggio in base alla fioritura dei ciliegi vi consiglio di dare un’occhiata al sito ufficiale giapponese che riporta le previsioni zona per zona. Visitare il Giappone in questo periodo, al di là della bellezza dei fiori che rendono tutto un po’ più magico, permette di assistere anche ad una serie di eventi e manifestazioni che si svolgono proprio per celebrare i ciliegi in fiore.

Dove alloggiare

In base alla mia esperienza, mi sento di consigliarvi di scegliere hotel nei pressi delle stazioni. Oltre ad essere facilmente raggiungibili, sono anche comodi per gli spostamenti in città e per le gite di una giornata nei paesi vicini. Risparmierete così tantissimo tempo perché essendo già in stazione, dovrete semplicemente andare al binario o alla fermata del pullman che dovete prendere. Inoltre, in zona stazione, ci sono sempre anche gli uffici d’informazione e molti bar e ristoranti sempre comodi se la sera si è stanchi e non si ha voglia di allontanarsi troppo.

Da provare assolutamente sono anche le ryokan, ovvero le locande tradizionali con i pavimenti in tatami e le porte scorrevoli dove farsi coccolare dall’incredibile ospitalità giapponese. E’ un’esperienza secondo me imprescindibile per scoprire un po’ di più la cultura nipponica e anche per recuperare le energie immersi magari in una onsen, ovvero le sorgenti termali naturali che molto spesso sono presenti nelle ryokan, di cui trovate approfondimenti qui.

Tenete presente che le dimensioni delle stanze sono quelle standard giapponesi: molto molto piccole. Non vi spaventate quindi se vi ritrovate a fare le acrobazie per scavalcare la valigia e raggiungere il letto o il bagno perché queste sono le misure normali di qualsiasi abitazione giapponese.



Booking.com

Come arrivare e come muoversi

Ci sono varie compagnie che operano la tratta Italia – Giappone. Essendo il mio un viaggio itinerante ho deciso di arrivare a Tokyo e ripartire poi dall’aeroporto di Osaka Kansai, più vicino ad Osaka appunto e quindi a Kyoto. Avendo prenotato i biglietti con largo anticipo ho trovato un’offerta interessante con Emirates con cui poi ho viaggiato. Lo scalo è a Dubai e le ore di volo sono circa 6 da Milano a Dubai e altre 10 circa da lì al Giappone. Mettete quindi in conto, tra andata e ritorno, quasi 4 giorni “persi” per il viaggio.  Avevo valutato anche un’offerta molto buona di Finnair e dato un’occhiata ad Alitalia, molto allettante perché effettua voli diretti ma anche molto più costosi soprattutto se gli aeroporti di arrivo e partenza sono diversi.

Una volta arrivati in Giappone, poi, il modo migliore per spostarsi è utilizzare i mezzi pubblici, in particolare i treni. Molto conveniente e comodo è il Japan Rail Pass, di cui trovate tutte le informazioni sul mio post 5 cose fondamentali per un viaggio in Giappone, che vi permette di prendere quasi tutti i treni delle ferrovie giapponesi, compresi quelli da e per gli aeroporti, ad un prezzo davvero interessante che varia in base ai giorni di utilizzo.

Quanto costa

Quando si pensa al Giappone, di solito, lo si etichetta come una meta cara. Certo, il costo del volo è mediamente alto e bisogna mettere in conto anche quello per gli spostamenti interni, sia che si decida di spostarsi in treno o che si opti per i pullman. Vi posso però dire che non è così caro come si crede: per il cibo, infatti, si possono trovare ristoranti veramente a buon prezzo, che offrono magari i menù completi per pranzo o cena. Considerate poi che quasi ovunque avrete a disposizione gratuitamente l’acqua, o il tè nei locali più tradizionali, che vi riempiono in continuazione ed è una cosa che consente di risparmiare un po’.  Anche per gli alloggi c’è una grandissima scelta per tutte le tasche: volendo ci sono anche i “capsule hotel” in cui si dorme in delle stanze minuscole che a me ricordano più dei loculi ma che sono molto economici. Inoltre, ci sono anche tantissime attrazioni gratuite, che vi permetteranno di visitare posti incredibili a costo zero. Nel mio itinerario dettagliato a Tokyo ne potete trovare alcune. Credo che l’essere caro sia sempre soggettivo e che dipende dai gusti e dalle esigenze di ognuno: essendo un paese molto moderno e all’avanguardia le scelte sono infinite e quindi anche i prezzi variano in base a cosa si vuole.

E con la lingua come si fa?

Un altro “ostacolo” che spaventa di solito quando si sta pensando ad un viaggio in Giappone è la lingua. Confesso che prima della partenza mi sono chiesta anche io più di una volta come avrei fatto a capire come muovermi o che treno prendere visto che i caratteri giapponesi per me sono solo bei simboli. Poi mi tranquillizzavo dicendomi che se avessi avuto difficoltà avrei sempre potuto chiedere informazioni in inglese, come faccio di solito. Niente di più sbagliato. In realtà, l’inglese potete anche non saperlo perché sono veramente in pochi quelli che lo capiscono e che vi sapranno rispondere. In compenso però muoversi è veramente semplice: l’organizzazione e la precisione maniacali giapponesi si vedono anche in questo. Tutti i cartelli infatti riportano anche i nomi con il nostro alfabeto e sono talmente schematici che è praticamente impossibile sbagliare. Se doveste essere in difficoltà poi, nonostante la barriera della lingua, troverete sempre qualcuno pronto ad aiutarvi e a gesti si arriva ovunque.

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (No Ratings Yet)
Loading...
Nessun commento su Viaggio in Giappone: istruzioni per l’uso

15 giorni in Giappone: itinerario giorno per giorno e sistemazioni

Sono appena tornata da 15 meravigliosi giorni in Giappone e, oltre al fuso orario, sto cercando di smaltire anche la grande nostalgia per questo paese lontano da noi sia geograficamente…

Sono appena tornata da 15 meravigliosi giorni in Giappone e, oltre al fuso orario, sto cercando di smaltire anche la grande nostalgia per questo paese lontano da noi sia geograficamente che culturalmente. E’ stata un’esperienza bellissima, che mi ha permesso di scoprire un po’ di più la cultura millenaria di questo popolo. Se dovessi descrivere i giapponesi in 3 parole userei senza dubbio gli aggettivi “rispettosi”, “precisi” e “complessi”. Appena arrivati vi accorgerete immediatamente dell’ordine e della precisione che regnano ovunque. E dopo qualche ora, con cartina alla mano cercando di capire come muoversi, scoprirete l’estrema cordialità e gentilezza delle persone che nonostante le barriere linguistiche sono sempre pronte ad aiutare. La complessità invece viene fuori nelle piccole cose: vi accorgerete che sotto la precisione maniacale e l’estrema educazione si nascondono lati particolari che a noi possono sembrare strani ma che in realtà sono solo molto distanti dal nostro modo di pensare.

Ma passiamo ai lati pratici per l’organizzazione di un viaggio di circa due settimane on the road o sarebbe meglio dire “by train” in Giappone.

Qui vi lascio l’itinerario giorno per giorno che ho progettato e testato io con le relative sistemazioni, di cui vi lascio anche i link a Booking.com. Considerando che il Giappone era una delle mete che sognavo da una vita e che le cose che volevo visitare erano tante ma i giorni limitati, ho dovuto spostarmi molto ma devo dire che non è stato troppo pesante perché i collegamenti sono veramente ottimi e poi ne è sicuramente valsa la pena.

Giorno 1 – Tokyo – Hotel Citadines Central Shinjuku

Giorno 2 – Tokyo

Giorno 3 – Tokyo

Giorno 4 – Hakone – Yumoto Fujiya Hotel

Giorno 5 – Hakone

Giorno 6 – Kanazawa – ANA Crowne Plaza Kanazawa

Giorno 7 – Shirakawa -go

Giorno 8 – Takayama – Honjin Hiranoya Kachoan

Giorno 9 – Kyoto – Hotel New Hankyu Kyoto

Giorno 10 – Kyoto

Giorno 11 – Monte Koya – monastero Fukuchi-In

Giorno 12 – Osaka – Hotel Granvia Osaka

Giorno 13 – Osaka e Nara



Booking.com

Ho scelto di partire dalla capitale, caotica e moderna, per poi invece sposarmi in zone più tradizionali e tranquille. Hakone è una meta gettonata più che altro dai giapponesi stessi che la scelgono spesso come luogo di vacanza grazie alle sue rinomate sorgenti termali e le cave di zolfo.

L’ho scelta infatti per l’esperienza delle Onsen, le terme giapponesi.

Immergersi in queste acque a 40 gradi, circondati dalla natura mentre fuori fa freddo è veramente un’esperienza da non perdere. Da qui si può ammirare anche il Monte Fuji. Ho proseguito poi per Kanazawa, splendida cittadina nel cuore delle Alpi giapponesi in cui si sono mantenuti intatti i quartieri tradizionali.

In pullman, successivamente, ho fatto una tappa al villaggio di Shirakawa-go, sito patrimonio mondiale dell’Unesco famoso per le sue case dai tetti di paglia, prima di arrivare alla caratteristica Takayama.  Anche qui tra un boccone della gustosissima carne Hida e un sorso di Sake, prodotto nelle numerose distillerie locali, ho potuto provare l’ospitalità tipica giapponese soggiornando in un fantastico Ryokan a 5 stelle, in cui mi hanno coccolata per tutto il soggiorno.

Mi sono spostata poi a Kyoto, città simbolo del Giappone e ho visitato la foresta di bambù di Arashiyama e il famosissimo santuario Fushimi-Inari di cui tutti gli appassionati del film Memorie di una Geisha riconosceranno subito i torii arancioni. Non a caso, qui per qualche ora mi sono trasformata in una Maiko e ho provato l’incredibile sensazione di provare un vero e proprio kimono.

Dopo parecchi cambi ho fatto un pellegrinaggio fino al Monte Koya, che con i suoi 117 templi rappresenta uno dei centri buddhisti più importanti e dal 2014 fa anche lui parte del patrimonio Unesco.

Infine ho raggiunto Osaka, nel Kansai, che con il suo street food e l’atmosfera più rilassata mi ha totalmente conquistata. L’ultimo giorno poi ho fatto un’escursione a Nara, a circa un’oretta da Osaka, famosa per il parco in cui vivono completamente liberi più di 1200 cervi. Non avrei potuto concludere meglio questo magnifico viaggio che porterò per sempre nel cuore.

Se volete sapere qual è il periodo migliore per andare in Giappone e come muoversi, leggete anche l’articolo Viaggio in Giappone: consigli per l’uso  e Giappone: 4 cose fondamentali da prenotare prima della partenza in cui vi spiego tutto quello che c’è da sapere per organizzare al meglio un viaggio fai da te nel paese del Sol Levante.



Booking.com

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...
9 commenti su 15 giorni in Giappone: itinerario giorno per giorno e sistemazioni

Type on the field below and hit Enter/Return to search