Berlino , Monaco, Francoforte. Di solito quando si pianifica un viaggio nella vicina Germania le mete preferite sono proprio queste. In realtà, sono molte le città e le località tedesche che meritano una visita e, grazie ai numerosi collegamenti e alle offerte vantaggiose, devo dire che negli ultimi anni stanno prendendo sempre più piede e si stanno affermando come mete alternative. Una di queste nuove mete underground è sicuramente Amburgo. Verde ed eclettica, la seconda città della Germania dopo Berlino, sta attirando sempre più turisti richiamati sia dai prezzi bassi che dalle numerose attività che la città offre. Amburgo è, infatti, innanzitutto una meta low – cost: i collegamenti aerei sono tantissimi ed è una tra le tratte più convenienti. Inoltre, spostarsi in città è semplice ed economico grazie alla metropolitana (che consente di andare/tornare dall’aeroporto al centro con soli 3,20€ a tratta) e ai mezzi pubblici efficienti. Essendo una città multiculturale, poi, non avrete difficoltà a trovare ristoranti particolari e a basso prezzo. Anche per quanto riguarda i musei e le attività culturali, è facile trovarne di gratuite e comunque al di sotto dei 10€. Ma il lato economico non è il solo che dovete considerare se state pensando di organizzare un weekend in questa città: Amburgo è una città frizzante e cosmopolita in cui potrete trovare sia cultura che divertimento, ma anche natura e tradizione.

Landungsbrücken<br />Abendstimmung/evening mood

Cosa vedere ad Amburgo in 48h

L’Hafencity, l’Elbphilharmonie e la zona del porto

Amburgo è da sempre un importantissimo polo commerciale e di scambio. Fin dai tempi della Lega Anseatica il suo porto è uno tra i più importanti a livello mondiale e, ancora oggi, sono tantissime le attività e gli scambi che avvengono proprio tra i suoi canali. E questo, pensate un po’, con il mare a ben 100 km di distanza. Com’è possibile, vi chiederete? Anche se non ha sbocco diretto sul mare, Amburgo è collegata ad esso grazie al fiume Elba e ai Fleete, i veri protagonisti, ovvero la fitta rete di canali in cui le navi si avvicendano prima di raggiungere il Mare del Nord e le loro lontane destinazioni.

La zona del porto è sicuramente una delle più tradizionali e ve la consiglio per immergervi completamente nello spirito mercantile della città che, qui, si respira ancora. Passeggiate lungo i suoi imbarcaderi, i Landungsbrücken, e salite a bordo di una delle tradizionali Barkasse come dei veri marinai. Queste barche panoramiche vi faranno esplorare i canali dell’Elba e vi porteranno tra le enormi navi cargo, le navi da crociera e i lussuosissimi yacht che popolano il porto di Amburgo.

Photo taken with Focos

Una volta scesi, fate un salto al colorato mercato del pesce in cui potrete gustare il pescato del giorno, seduti e con tanto di musica dal vivo. Il Fishmarkt Hamburg-Altona si tiene tutte le domeniche dalle 06:00 del mattino circa fino alle 09:30 ed è sicuramente una delle attrazioni più caratteristiche e chiassose della città. Nonostante risalga al 1703 è oggi un luogo di tendenza e molto frequentato anche dai giovani.

Simbolo dell’Hafencity è la recente Elbphilharmonie, la nuova e modernissima filarmonica progettata dagli architetti svizzeri Herzog & De Meuron. E’ uno spazio interamente dedicato alla musica, che ad Amburgo ha un ruolo di rilievo, e sebbene sia stata inaugurata solo nel 2017 è destinata a diventare una delle sale da concerto più importanti del mondo. Acquistando il biglietto di 2€ è possibile visitarla e salire fino alla terrazza panoramica da cui si gode di una vista a 360° sulla zona portuale di Amburgo.

Elbphilharmonie Amburgo

La Speicherstadt e i docks

Per far fronte all’esorbitante quantitativo di merci provenienti da tutto il mondo, ai tempi della Lega Anseatica, venne fatta costruire una serie di magazzini alti sette-otto piani in prossimità del porto in cui poter stoccare la preziosa mercanzia. Venne a crearsi così una vera e propria “città magazzino”, caratterizzata da imponenti edifici di mattoni rossi e da un’intricatissima rete di strade acciottolate e canali. La Speicherstadt è il complesso di magazzini più grande del mondo e, non a caso, dal 2015 è patrimonio mondiale UNESCO. Nel corso degli anni, i magazzini ormai in disuso, sono stati reinventati e ospitano oggi vari musei, tra i quali il Museo delle Spezie, il Museo Marittimo e il Museo tedesco della dogana che raccontano gli anni d’oro di questa città portuale. Tra i muri di mattoni rossi troverete, però, anche il più divertente Hamburg Dungeon e il Miniatur Wunderland, un mondo in miniatura composto da 3.000 metri di rotaie su cui girano ben 15.000 vagoni, ma anche tantissime figurine, casette e alberi che i più piccoli ameranno.

Non perdetevi, poi, una visita al Wasserschloss ovvero l’edificio più fotografato di Amburgo. In realtà, si tratta di un negozio di tè storico che testimonia la ricca tradizione commerciale di Amburgo. Al suo interno potete trovare più di 250 varietà di tè provenienti da tutto il mondo che si possono anche gustare al ristorante di fianco accompagnati da una vasta scelta di pietanze sia dolci che salate.

Speicherstadt Amburgo

St. Pauli e la Reeperbahn

St. Pauli è il celebre quartiere a luci rosse di Amburgo, uno dei più grandi d’Europa. Lungo la via principale, la Reeperbahn, si concentrano locali, negozi erotici, cinema “alternativi” e tante altre attività a tema. Il suo nome, letteralmente “strada della corda”, è dovuto alla grande quantità di corde di canapa che venivano prodotte qui. L’attività di intrattenimento si è sviluppata, infatti, solo nel corso dell’Ottocento dopo che la classe più nobile e “da bene” della città decise di bandire qualsiasi forma di divertimento, tra cui teatri e cabaret. Essendo una zona attigua al porto, questo fece sì che in breve tempo, il quartiere diventasse famoso e molto frequentato dai marinai che sbarcavano ad Amburgo. Inutile dire che oggi St. Pauli è il cuore della vita notturna della città e, ormai, si è affermato anche come zona turistica tanto da essere la seconda più visitata della città. In realtà, se si passeggia durante il giorno o di sera, non c’è niente di veramente scandaloso e, ad attirare l’attenzione sono per lo più i colori sgargianti dei locali e dei graffiti.

Reeperbahn/ Nachtleben / night life

Se siete appassionati dei Beatles, poi, dovete sapere che è proprio tra i locali di St. Pauli che mossero i loro primi passi nel mondo della musica. “Sono nato a Liverpool . Sono diventato grande ad Amburgo”. Questo è quello che lo stesso John Lennon disse su questa città che diede la svolta alla carriera di quella che è diventata una delle band più famose al mondo. Tra i locali in cui suonarono, non perdetevi Il Club Indra o il Kaiserkeller, ancora oggi in attività. In alternativa, fate un salto alla Beatles Platz all’incrocio tra la Reeperbahn e la Große Freiheit, al cui centro ci sono proprio le statue di  John LennonPaul McCartneyStuart SutcliffeGeorge Harrison, e un mix di Pete Best Ringo Starr.

Photo taken with Focos

L’Altstadt e la Rathausplatz

Il centro storico di Amburgo è costituito dal quartiere di Altstadt, città vecchia per l’appunto. Proprio sulla piazza principale sorge l’imponente Municipio di Amburgo, la cui torre è alta ben 112 metri e per arrivare in cima vi attendono 436 gradini. Nonostante i bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale, è ancora possibile trovare degli edifici integri nel quartiere. E’ inoltre un quartiere ricco di negozi e ristoranti e, durante il periodo natalizio, si accende con le numerose lucernarie e i mercatini di Natale.

Municipio Amburgo

I giardini Planten un Blomen

Vicino all’Altstadt, meritano una visita anche i bellissimi giardini Planten un Blomen, un’oasi verde nel cuore della città in cui gli abitanti amano passeggiare e rilassarsi tra alberi e fontane. I 47 ettari del parco sono suddivisi in varie aree tematiche: troverete una serra con bellissime piante esotiche e tropicali, un giardino delle rose e uno giapponese, il più grande d’Europa. Sempre secondo il modello giapponese, all’interno del parco, c’è anche una casa da tè che non ho potuto testare in quanto aperta solo da maggio a settembre. E’ durante i mesi estivi che questo spazio verde regala il meglio di sé, con un’esplosione di colori e profumi ma anche con tanti eventi e concerti. Durante il periodo invernale, invece, viene allestita una grandissima pista di pattinaggio.

Parco Planten un Blomen Amburgo

Spostarsi ad Amburgo

Muoversi ad Amburgo è molto semplice: i mezzi pubblici sono efficienti e collegano praticamente tutta la città. Grazie ai treni, potrete raggiungere direttamente il centro città dall’aeroporto con soli 3,20€ a tratta. Vi basterà prendere la linea S1 del treno S-Bahn che parte ogni 10-20 minuti circa e in meno di 30 minuti di porterà alla stazione centrale (Hauptbahnhof) da cui potrete prendere tutte le altre linee della metropolitana (U-Bahn). Se avete intenzione di fermarvi qualche giorno, vi consiglio di valutare l’acquisto della Hamburg Card che al costo di circa 10€ vi permette di prendere illimitatamente tutti i mezzi della città e offre anche diversi sconti per musei e varie attività. Essendo una città molto green e attenta all’ambiente, uno dei mezzi più usati dagli amburghesi è senza dubbio la bicicletta. Le piste ciclabili ad Amburgo sono ovunque, così come i mezzi a due ruote: grazie al servizio di noleggio StadtRAD potrete muovervi anche voi senza vincoli per la città. I primi 30 minuti oltretutto sono gratuiti e, a seguire, il costo è di soli 0,08€ al minuto.

 

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (2 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...