fbpx

Checked - In

Checked - In

Racconti e pensieri di una girovaga sognatrice alla scoperta del mondo e di se stessa

Tag: Soggiorni romantici

Dove dormire a Parigi: camera con vista all’Hotel Gavarni

Quando si sta organizzando un viaggio a Parigi, ci si accorge ben presto che le strutture a disposizione sono veramente tantissime. Tra hotel, b&b, appartamenti e ostelli la scelta è…

Quando si sta organizzando un viaggio a Parigi, ci si accorge ben presto che le strutture a disposizione sono veramente tantissime. Tra hotel, b&b, appartamenti e ostelli la scelta è davvero ampia e può essere complicato decidere in quale soggiornare.

Ovviamente molto dipende dalla tipologia di alloggio che state cercando ma anche, e soprattutto, dalla zona in cui volete stare. Dovete pensare, infatti, che Parigi è grande e, per quanto i mezzi di trasporto siano comodi ed efficienti, è bene valutare l’aspetto della vicinanza quando si prenota un hotel. Mi è già capitato di sentire pareri molto negativi di persone che sono state a Parigi legati proprio alla lontananza dalle zone centrali e più turistiche degli alberghi che avevano prenotato. E questo perché magari, visti i prezzi allettanti che si trovano in rete, ci si ferma alle prime offerte che si trovano senza leggere dove si trova la struttura.

dove dormire a parigi hotel gavarni

Le cose da verificare sono principalmente due: la vicinanza alle zone di interesse in base all’itinerario che volete seguire (qui trovate il mio itinerario di 4 giorni) e quella alla metro. Se trovate un hotel vicino ad una fermata della metro, avrete la comodità sia nello spostarvi durante la vostra permanenza senza fare chilometri a piedi sia nel raggiungere gli aeroporti e le stazioni dei treni e dei pullman.

Photo taken with Focos

Durante la mia prima esperienza parigina, avevo scelto per motivi logistici un hotel prima e un appartamento poi nel XII arrondissement, a pochi passi da Place d’Italie e dall’omonima fermata della metro. Per quanto sia un quartiere molto interessante e poco o nulla frequentato dai turisti, ve ne ho parlato qui, non è una delle soluzioni migliori se avete a disposizione solo qualche giorno e volete visitare le zone più turistiche. Per raggiungere la Tour Eiffel, ad esempio, impiegherete infatti più di mezz’ora in metro. Se parliamo di Montmartre poi i tempi si allungano ulteriormente.

I quartieri, secondo me, da preferire per un viaggio di qualche giorno a Parigi sono i seguenti:

  • XVI e VII arrondissement: Tour Eiffel, Trocadéro, Champ de Mars, Museo D’Orsay;
  • I arrondissement: Louvre, Giardini delle Tuileries, Rue de Rivoli;
  • VIII arrondissement: Arco di Trionfo, Place de la Concorde, Champs – Elysées;
  • IV arrondissement: cattedrale di Notre-Dame, le Marais;
  • XVIII arrondissement: Montmartre, basilica del Sacro Cuore. E’ un quartiere ben collegato ma comunque abbastanza distante dagli altri luoghi di interesse. Io, personalmente, anche se molto particolare e caratteristico non lo scegliere per soggiornare.

Dove dormire a Parigi: la mia esperienza all’Hotel Gavarni

Durante il mio ultimo viaggio a Parigi ho scelto proprio un hotel vicinissimo alla Tour Eiffel, nel cuore del XVI arrondissement: l’Hotel Gavarni. Si trova a pochi passi dalla fermata della metro Passy che vi permetterà di raggiungere in poco tempo tutte le zone principali della città. Inoltre, si trova a meno di 5 minuti a piedi dal famoso ponte di Bir-Hakeim da cui si ha una splendida vista sulla Tour Eiffel e sulla Senna.  Si tratta di un quartiere molto tranquillo ed elegante, in cui potete trovare con facilità qualsiasi tipo di ristorante e bar. Nella via perpendicolare all’Hotel Gavarni, ci sono infatti una serie di negozi ma anche di bistrot e bar (anche take-away).  Io l’ho prenotato direttamente su Booking.com di cui vi lascio qui sotto il collegamento diretto.



Booking.com

Le camere sono in stile tipicamente francese e, anche se di dimensioni contenute, sono molto comode e funzionali. Si distribuiscono su 5 piani, collegati dall’ascensore e hanno tutte un nome diverso, cosa che ho trovato molto originale e più personale rispetto ai soliti numeri anonimi. L’aspetto più bello è stato che dalla mia camera (la Trianon) si vedeva dal balcone la Tour Eiffel (l’aveva scelta apposta Francesco per farmi una sorpresa) e devo dire che la camera con vista non ha davvero prezzo.

Se volete organizzare un weekend romantico per la/il vostra/o amata/o, dopo aver effettuato la prenotazione, è possibile contattare l’hotel e far preparare una piccola sorpresa che troverete ad attendervi all’arrivo: potete scegliere tra i romanticissimi petali di rose sparsi sul letto, un cesto di frutta fresca da condividere e dello champagne. Di sera, con la torre illuminata, è davvero la quintessenza del romanticismo.

Un altro servizio disponibile è quello della colazione che ho trovato davvero squisita. Dovete sapere che l’Hotel Gavarni è il primo hotel indipendente di Parigi ad aver ricevuto il riconoscimento europeo per quanto riguarda l’uso di prodotti ecologici e in pieno rispetto dell’ambiente. Tutte le mattine troverete ad attendervi un buffet molto fornito di pane fresco, marmellate bio, croissant caldi, frutta fresca e yogurt. In più, le bevande sono preparate al momento dal personale.

Nel complesso, devo dire che ho trovato il rapporto qualità/prezzo davvero ottimo e il valore aggiunto è sicuramente il servizio impeccabile: il personale è molto gentile e pronto a soddisfare qualsiasi necessità sempre con il sorriso sulle labbra, cosa che non trovo affatto scontata.

Hotel Gavarni Parigi

N.B. Come sempre, ci tengo a precisare che i giudizi espressi sono frutto della mia personale esperienza e non sono legati ad alcun tipo di sponsorizzazione da parte dei soggetti citati.

 

 

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (2 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...
4 commenti su Dove dormire a Parigi: camera con vista all’Hotel Gavarni

Weekend lungo a Parigi: itinerario di 4 giorni alla scoperta della Ville Lumière

Per il ponte di Ognissanti, ho deciso di farmi un regalo speciale e di tornare per un weekend lungo a Parigi, una delle mie città preferite in assoluto. La Ville…

Per il ponte di Ognissanti, ho deciso di farmi un regalo speciale e di tornare per un weekend lungo a Parigi, una delle mie città preferite in assoluto. La Ville Lumière, come viene tipicamente chiamata, ha tantissimo da offrire ed è una meta perfetta in qualsiasi stagione. Questa è stata la mia terza volta nella capitale francese e devo dire che ogni volta è una scoperta e un’emozione. Avendo vissuto e lavorato proprio nel cuore di Parigi qualche anno fa, ho avuto la possibilità di visitare con calma i musei più famosi come il Louvre, il museo d’Orsay, il Centro Pompidou e molti altri ancora a cui, secondo me, va dedicato il giusto tempo. Questa volta, quindi, ho deciso di concentrami principalmente sulla visita della città, approfondendo la conoscenza di alcuni luoghi simbolo parigini e scoprendo anche aspetti meno conosciuti della tradizione. Devo dire che è un itinerario molto romantico e perfetto per una fuga di coppia in una delle città d’amore per eccellenza.

Tour Eiffel in autunno

L’itinerario che voglio condividere con voi è quello che ho seguito io stessa durante i 4 giorni che ho passato a Parigi. In realtà, ho scelto un volo che partiva molto presto la mattina per l’andata e per il ritorno invece uno che decollava alle 21.30. Questo mi ha permesso di avere a disposizione quasi altri due giorni pieni da dedicare completamente alla visita della città. Per conoscere qual è il modo migliore per raggiungere Parigi e come muoversi in città, qui trovate tutte le indicazioni e i consigli per organizzare al meglio il viaggio e gli spostamenti.

Giorno 1 – Montmartre, Pigalle e cena sulla Tour Eiffel

Dopo aver lasciato i bagagli in hotel, che ho prenotato nel 16esimo Arrondissement (quello della Tour Eiffel per capirci) e di cui trovate tutti i dettagli qui, mi sono diretta verso la zona di Montmartre. Famoso per i suoi vicoli bohémien e per i suoi artisti maledetti, Montmartre è uno dei quartieri più turistici e conosciuti di Parigi. Non tutti sanno che fu annesso alla città solo nel 1860 e divenne subito il posto preferito da pittori, musicisti e artisti che lo scelsero come propria dimora. Imperdibile è senza dubbio la basilica del Sacro Cuore, Sacre Coeur en Français, che domina tutta la città e ne è uno dei simboli.

basilica del sacro cuore parigi

Nonostante oggi, con il turismo di massa, si sia persa un po’ quell’autenticità bohémien di un tempo, è possibile comunque trovare ancora posti caratteristici e lontani dalla folla che, solitamente, si limita ai vicoli circostanti Sacre Coeur. Per scovarli vi basterà fare pochi metri. Incontrerete infatti subito la Maison Rose, un locale che sembra uscito direttamente da un quadro impressionista e che è amato da tutti gli instagrammer. Subito dopo scendendo la strada sulla destra, troverete le Vigne di Montmartre. Ai tempi d’oro degli artisti, la collina di Parigi era conosciuta anche per i suoi numerosi vigneti da cui si produceva tantissimo vino. Negli anni, però, le vigne sono state pian piano spazzate via per far spazio agli edifici fino a scomparire del tutto. O quasi. Un piccolo fazzoletto di terreno coltivabile è infatti sopravvissuto e nel 1933 un gruppo di amici ha voluto ripiantare le vigne, come simbolo della lotta contro la cementificazione dilagante. Il risultato? 1500 mq di superficie e circa 2000 piante di 27 varietà diverse di uva da cui si producono ogni anno un migliaio di bottiglie di Pinot Nero e Beaujolais, con etichette rigorosamente dipinte a mano dagli artisti locali e vendute, inutile dirlo, a cifre astronomiche. A questo punto, di fronte a voi, troverete uno degli ultimi – se non l’ultimo – cabaret tradizionale di Montmartre, Au Lapin Agile, dove ogni sera artisti e musicisti fanno rivivere la Chanson Française, la canzone francese come la definiscono loro.

Riscendete, poi, dalla collina e tornate verso la fermata della metro Anvers. Qui, nascosto in un parco abbastanza anonimo, troverete uno dei luoghi più romantici di Parigi: Le mur des Je T’Aime. Si tratta di un’opera artistica di Frédéric Baron lunga ben 10 metri e alta 4, famosa perché riporta la scritta “ti amo” in ben 311 lingue. Per concludere la visita al quartiere una volta più chiacchierato di tutta Parigi, non vi resta che fermarvi a bere una cioccolata calda o a mangiare una crème brûlée al Café des 2 Moulins, in cui Amélie lavorava come cameriera nel celebre film “Il favoloso mondo di Amélie” e fare un salto al celebre Moulin Rouge, secondo me un po’ sopravvalutato.

Vi troverete ora a Pigalle, la zona a luci rosse di Parigi. Incontrerete infatti numerosi locali notturni e sexy shop camminando tra le sue vie. Nascosto, però, tra i vicoli di questa zona un po’ controversa si trova un campo da basket, il Pigalle Basketball Camp, diventato ormai famoso perché scelto come location per molte pubblicità di grandi marchi come Nike. Creato dal brand di moda e streetstyle Pigalle, è un tocco di colore tra il grigiore degli edifici residenziali ed è, secondo me, un’opera d’arte a cielo aperto. Agli amanti della musica, consiglio poi un salto nella via parallela al Pigalle Basketball Camp, Rue Douai, piena di negozi di strumenti musicali e non solo.

pigalle basketball camp

Prima di rientrare in hotel, fate un salto alle Galeries Lafayette Haussmann situate proprio su boulevard Haussmann, nel IX arrondissement. Si tratta di uno dei grandi magazzini più conosciuti e rinomati al mondo. Ma io ve li consiglio per un’altra cosa, tra l’altro completamente gratuita: la vista mozzafiato su tutta Parigi che si ha dalla loro terrazza panoramica. Se volete concedervi un aperitivo, poi, lo potete fare dal bar situato proprio qui e aperto tutto l’anno (nei mesi freddi, viene chiuso da delle bolle trasparenti molto belle).

Cosa c’è di meglio per concludere la prima giornata a Parigi se non una cena romantica proprio sulla Tour Eiffel? Salire sul simbolo per eccellenza della capitale francese di notte, quando è tutta illuminata, è un’emozione. E cenare ammirando dall’alto tutta la città è un ricordo indimenticabile. Potete prenotarla a questo link.

Giorno 2 – Louvre, Jardin de Tuileries, Place de la Concorde, Champs Elysées e Butte aux Cailles

Il secondo giorno l’ho dedicato alla visita di alcuni dei luoghi simbolo di Parigi.  Ho cominciato la giornata con la visita al Louvre, a cui vi consiglio di dedicare il giusto tempo se è la prima volta che lo visitate. Considerando che è uno dei musei più grandi e più visitati del mondo, vi consiglio di comprare già online i biglietti in modo da saltare la fila alle casse e risparmiare anche qualche ora di tempo. Sia che decidiate di entrare o di limitarvi agli esterni, continuate poi verso i vicini Giardini delle Tuileries: una bellissima oasi verde all’interno della città. Con i suoi caratteristici viali alberati, i suoi chioschi dall’inconfondibile stile parigino e le sedie verdi su cui fermarsi per una sosta rigenerante è indubbiamente uno dei parchi più belli di tutta Parigi.

Subito fuori dai giardini c’è un piccolo angolo di paradiso per tutti gli amanti del tè e dei dolci: Angelina. Una delle più antiche ed eleganti sale da tè in cui farsi coccolare dal personale in divisa e dove deliziare il palato con i buonissimi dolci (provate anche i club sandwich, sono da acquolina in bocca). Percorrendo le Jardin des Tuileries fino in fondo, vi ritroverete direttamente su Place de la Concorde, la piazza più grande di Parigi e uno dei luoghi più ricchi di storia. Racchiude al suo interno due raffinatissime fontane dei Fiumi e dei Mari e il famoso obelisco egizio di Luxor, situato proprio sull’Axe Historique, l’asse immaginario che collega i monumenti storici e i palazzi parigini.

Place de la Concorde

Continuando dritti, arriverete al viale degli Champs Elysées, tra negozi esclusivi e café. Prima però fate una piccola deviazione per ammirare il bellissimo Ponte di Alessandro III. Dopo un po’ di sano shopping e un macaron da Ladurée, completate il secondo giorno con la visita all’Arco di Trionfo.

Per cena, ho voluto far conoscere a Francesco il quartiere dove avevo vissuto durante il mio periodo parigino: il XIII arrondissement sulla rive gauche. In particolare, siamo andati a Place d’Italie, la piazza principale del quartiere e nella zona di Butte aux Cailles. Io personalmente lo considero un po’ il quartiere segreto di Parigi, lontano dai circuiti turistici e molto amato dai parigini. Se volete immergervi nella vera vita della città, questo è il posto che fa per voi. Troverete infatti viali lastricati, casette bianche e ottimi bistrot e ristoranti tra cui scegliere.

Giorno 3 –  Trocadéro, Crociera sulla Senna, Notre Dame e Rue de Rivoli

Il terzo giorno è cominciato con una tappa panoramica sul ponte di Bir Hakeim da cui si gode di una splendida vista sulla Tour Eiffel e ho continuato poi verso Rue de l’Université, una delle vie più instagrammate proprio per il suo scorcio sulla torre. Qualche fotografia dopo, mi sono recata al molo n° 7 per una sorpresa organizzata da Francesco: una crociera con pranzo lungo la Senna. E’ stata un’esperienza davvero magnifica e che ricorderò sempre con piacere. Credo che assaggiare prelibatezze francesi, accompagnate da una buona dose di vino (per me fin troppo, visto che poi sono caduta come un sacco di patate mentre cercavo di spostarmi su un monopattino) mentre si naviga lungo la Senna con il sottofondo di musica dal vivo sia veramente impagabile. Per tutti i dettagli e per scoprire come prenotarla, cliccate qui.

pranzo sul bateaux parisien

Finito il pranzo, un po’ brilla e traballante, ho avuto infatti la pessima idea di usare uno dei tanti monopattini elettrici a noleggio per spostarmi fino alla cattedrale di Notre-Dame de Paris.  In realtà, sono un modo di spostarsi molto comodo e divertente  al tempo stesso (ve ne ho parlato qui) basta che prima non abbiate bevuto troppo come la sottoscritta. In stile gotico, la cattedrale metropolitana di Nostra Signora si trova proprio nel cuore di Parigi sull’ Île de la Cité, una delle due isole fluviali della città. L’ingresso alla cattedrale è gratuito. Se invece volete calarvi nella parte di Quasimodo e salire fino alle guglie, bisogna acquistare il biglietto che, anche in questo caso, vi consiglio di comprare prima online a questo link per evitare la sempre lunghissima coda.

Fate una passeggiata, poi, lungo la Senna tra le bancarelle di libri antichi, stampe e souvenir caratteristici fino a raggiungere la storica libreria Shakespeare and Company, un must see per gli amanti dei libri come me.

Spostandovi a piedi o con l’ormai collaudato monopattino elettrico, dirigetevi poi verso Rue de Rivoli. Anche in questo caso ve la consiglio non tanto per i negozi quanto per una piccola perla nascosta: 59 Rue de Rivoli. Si tratta di un edificio/galleria d’arte/spazio espositivo in cui artisti di ogni genere creano ed espongono le loro opere. E’ un posto coloratissimo e decisamente eccentrico che vi consiglio di non perdere proprio per la sua atmosfera artistica e anticonformista che mi ha fatto pensare un po’ ai primi artisti bohémien di Montmartre. L’ingresso è gratuito ma è comunque gradita una piccola offerta libera a sostegno dell’attività.

Per cena, ho scelto un ristorante abbastanza particolare: il Buddha Bar. Si tratta di un ristorante – lounge bar dal tipico stile orientale. Anche i piatti hanno influenze delle cucine giapponese, thailandese e indiana, ma anche hawaiana e californiana e l’atmosfera è decisamente alternativa. Anche in questo caso la prenotazione è d’obbligo e potete farla direttamente da qui.

Giorno 4 – Marais, cappelli artigianali e Jardin du Luxembourg

Per concludere il mio itinerario di 4 giorni a Parigi, ho scelto di lasciare per ultimo quello che forse è il quartiere più trendy della Ville Lumière: le Marais. Pieno di negozietti vintage e particolari, è conosciuto per essere dimora di molti locali gay ma anche e soprattutto per la forte presenza della comunità ebraica.  Su Rue des Rosiers troverete infatti parecchi venditori di falafel e di altre pietanze tipiche ebraiche. All’interno di un hotel particulier si trova anche il Museo d’Arte e di Storia del Giudaismo, dedicato appunto alla storia e all’arte della comunità ebraica a Parigi. Un altro museo conosciutissimo di questo quartiere è il Centro Pompidou, che vanta una delle più importanti collezioni di arte moderna e contemporanea d’Europa. La sua struttura è subito riconoscibile in quanto decisamente eccentrica ed estrosa. Venne costruito nel corso degli anni ’70 su un progetto di Renzo Piano e di Richard Rogers che scelsero enormi tubi colorati per la sua realizzazione. Se non siete interessati all’arte moderna e contemporanea, vi consiglio comunque di accedere alla terrazza panoramica da cui si ha una bellissima vista su Parigi (l’ingresso alla sola terrazza costa 5€).

Centro Pompidou Parigi

In un quartiere così alla moda e alternativo al tempo stesso, non potevo non cimentarmi in uno workshop di chapellerie, ovvero un laboratorio in cui ho avuto la possibilità di realizzare a mano un cappello su misura secondo le tecniche tradizionali francesi. L’esperienza è a dir poco fantastica: capire come viene realizzato un cappello e soprattutto vedere come pian piano prende forma tra le tue mani è davvero eccezionale. Anche la location, poi, merita di essere vista perché sembra di essere caduti direttamente nella buca del Bianconiglio e di trovarsi nel laboratorio del Cappellaio Matto. Qui trovate tutto il racconto dell’esperienza e i dettagli per prenotare il laboratorio.

workshop minime parigi

Per il pranzo vi consiglio la Crêperie Beaubourg, in cui potrete gustare delle ottime e tipiche crêpes ma anche galettes francesi.

Infine, è d’obbligo una visita a uno dei parchi più grandi e più belli di tutta Parigi: le Jardin du Luxembourg. Io vi consiglio di andarci a piedi, dista circa 2 km dal Centro Pompidou e vi permetterà di esplorare meglio i vicoli del Marais e del VI arrondissment.

Inaugurato nel 1612 da Maria de’ Medici, il Giardino del Lussemburgo è un posto magico in cui anche i parigini amano trascorrere le ore di relax all’aria aperta. Oltre alle bellissime aiuole fiorite, ci sono anche tantissime statue e fontane, una su tutte la romantica Fontana dei Medici di fronte a cui dire à bientôt a Parigi al tramonto.

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (2 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...
4 commenti su Weekend lungo a Parigi: itinerario di 4 giorni alla scoperta della Ville Lumière

Phi Phi Islands: escursione a Maya Bay, Bamboo Island e Mosquito Island

  “Io credo ancora nel paradiso, ma almeno adesso so che non è un posto da cercare fuori. Perché non è dove vai, lo trovi dentro, quando senti per un momento di far parte di qualcosa……

 

“Io credo ancora nel paradiso, ma almeno adesso so che non è un posto da cercare fuori. Perché non è dove vai, lo trovi dentro, quando senti per un momento di far parte di qualcosa… e se lo trovi, quel momento, dura per sempre.” 

Richard/Leonardo Di Caprio – The Beach 

No, non ho cambiato tema al blog convertendolo in uno di citazioni letterarie. Ma quando si parla di Maya Bay non si può prescindere dal parlare anche del film The Beach, in cui un giovane Leonardo Di Caprio sperimentava la vita ribelle e alquanto alternativa in una spiaggia thailandese sperduta e paradisiaca. Correva l’anno 2000 e, per raggiungere Maya Bay Di Caprio – mappa “del tesoro” alla mano – ha dovuto farsi una bella nuotata, seguita da tuffi adrenalinici e scarpinate in mezzo alla foresta tropicale prima di raggiungere la segretissima meta. Ma l’espressione di meraviglia che avevano lui e i suoi compagni d’avventura è esattamente la stessa che chiunque approdi in questa baia ha anche oggi a distanza di 18 anni e milioni di turisti. Oggi sicuramente non è più una meta segreta, anzi. E’ presa letteralmente d’assalto da migliaia e migliaia di visitatori che ogni giorno arrivano qui per ammirare le meraviglie di questa spiaggia da sogno. La domanda che molti si pongono prima di partire è “ma ne vale veramente la pena?”. Ho pensato quindi di condividere con voi la mia esperienza e poi giudicherete voi se Maya Bay meriti o no una visita.

4933169100000578-5389793-image-a-26_1518600858628.jpg

Maya Bay oltre il mito: vale la visita?

Quando si cercano le immagini delle spiagge thailandesi, quella in cui ci si imbatte più spesso è senz’ombra di dubbio la spiaggia incantata di Maya Bay. Molti la considerano il prototipo di spiaggia ideale per eccellenza: scogliere calcaree e faraglioni a strapiombo sul mare che la circondano e la proteggono, acque cristalline, sabbia che sembra borotalco e il verde della foresta tropicale tutto intorno. Sembra davvero di essere approdati su una spiaggia deserta e da film … se non fosse per la quantità esorbitante di turisti che vengono scaricati su questo lembo di sabbia ad ogni ora del giorno. Il film è stato infatti la fortuna e al contempo la disgrazia di Maya Bay. Sul sito dell’autorità del turismo della Thailandia è riportato infatti che sono di media 5000 i turisti che ogni giorno visitano questa baia. Questo ha fatto sì che tutto l’ecosistema della zona ne abbia risentito pesantemente, tanto che si è arrivati alla drastica decisione di sospendere l’accesso ai visitatori per 4 mesi: dal 1 giugno al 30 settembre non sarà permesso alle barche di entrare ed attraccare nella baia antistante la famosissima spiaggia. I viaggiatori potranno comunque scattare qualche fotografia ricordo da una distanza di 400 metri, ovvero dalle due enormi rocce calcaree che fanno da guardiane all’ingresso naturale alla laguna. Tutto questo per cercare di dar un po’ di respiro alla barriera corallina e a tutti i suoi abitanti acquatici, ormai molto danneggiati e provati.

 

Essendo raggiungibile solo via mare, il flusso di barche cariche di viaggiatori è davvero importante. E questo, oltre a provocare enormi danni ambientali alla flora e alla fauna marine, crea anche molto caos. A mio avviso, il problema maggiore sono le enormi barche, quasi dei battelli, che partono da Phuket o Krabi e organizzano gite giornaliere alle Isole Phi Phi e, quindi, immancabilmente a Maya Bay. Credo che se ci si limitasse ai turisti che effettivamente soggiornano a Ko Phi Phi Doh, il numero di persone calerebbe notevolmente. In ogni caso, a me la laguna è piaciuta molto nonostante la folla che si trova. Anche se siamo partiti presto, infatti, non c’è stato nulla da fare ma del resto ce lo aspettavamo. La buona notizia è che la maggior parte degli avventori si fermano sulla spiaggia a scattare un’infinità di foto alla ricerca della posa perfetta. Io, invece, che sono molto poco fotogenica ho deciso di addentrarmi nella “foresta” e man mano che si cammina diminuisce la gente e aumentano le palme. Come dicono anche i cartelli “attenzione ai cocchi” che potrebbero cadervi in testa 😀 Da vedere non c’è molto, ma è comunque piacevole farsi una passeggiata all’interno della natura. Abbiamo scoperto che per i più avventurosi organizzano anche dei tour con pernottamento in tenda sull’isola per una notte.

In generale, secondo me, vale la pena fare un salto a Maya Bay se ci si trova già a Ko Phi Phi Doh, vista la breve distanza, e si organizza una visita a più baie e isolotti. Quello che ho apprezzato maggiormente, infatti, sono stati i tuffi e le nuotate nelle calette vicine e lo snorkeling che si può fare in tranquillità senza l’odore di carburante delle barche. Non la consiglierei invece a chi non soggiorna vicino perché, al di là del costo delle gite organizzate, ci si mette parecchio per raggiungerla e una volta arrivati c’è poco da vedere e non è attrezzata. Inoltre, consiglio di scegliere una longtail boat per arrivarci: sarete più indipendenti e non dovrete aspettare i tempi stabiliti dai tour operator che di solito vi scaricano sull’isola e vi fanno aspettare anche un paio d’ore per ripartire.

Bamboo Island e Mosquito Island: paradisi per lo snorkeling

Abbiamo scoperto questi due isolotti per puro caso durante il nostro “giorno in paradiso”, di cui vi ho parlato qui. Inutile dire che ce ne siamo innamorati perdutamente. Sono due piccole ma affascinanti perle del Mare delle Andamane, perfette per lo snorkeling e per una giornata all’insegna del relax. A differenza di Maya Bay, sono molto meno frequentanti ed è quindi possibile assaporare davvero la sensazione di trovarsi da soli su un’isola deserta. Noi ci siamo arrivati in longtail boat dal nostro hotel nella parte nord – orientale di Ko Phi Phi Doh. E’ stata un’avventura perché quando siamo partiti il mare era molto mosso, tanto che perfino il nostro accompagnatore thailandese nonché proprietario della barca era molto titubante. Alla fine siamo partiti lo stesso ma ammetto che ci sono stati momenti, nel bel mezzo del mare e con la terraferma molto lontana, in cui abbiamo avuto paura di fare la fine di Robinson Crusoe, altro che Di Caprio. Ma ce l’abbiamo fatta e credo sia una di quelle giornate che non scorderò mai. E’ stato tutto perfetto: dal picnic sulla spiaggia deserta, ai bagni nelle calde acque delle Andamane circondati da tanti pesciolini colorati.

maxresdefault

Ko Mai Phai, alias Bamboo Island, è un’isoletta a circa 5 km a nord di Ko Phi Phi Doh ed è caratterizzata da fondali sabbiosi ed acque cristalline. E’ disabitata e c’è solo un piccolo bar con qualche tavolino. E questa è la cosa migliore. Per raggiungerla, ovviamente solo in barca, consiglio sempre di affidarsi alle longtail boat dei pescatori locali o, se soggiornate allo Zeavola Resort & Spa, di visitarla durante il non plus ultra delle gite romantiche “One day in Paradise”. Una volta arrivati le possibilità sono due: attraccare e pagare la tassa del parco nazionale di circa 5€ oppure gettare l’ancora un po’ più al largo e dedicarsi allo snorkeling e raggiungere la riva a nuoto.

bamboo-island

Mosquito Island, Ko Yung in thailandese, è la più remota delle Phi Phi Islands e come Bamboo Island è deserta e perfetta per una visita in giornata. Il fondale è più roccioso rispetto a quello di Ko Mai Phai ma, purtroppo, la barriera corallina è stata parecchio danneggiata e la fauna marina è veramente scarsa. Il Dipartimento dei Parchi Nazionali Thailandese ha infatti recentemente deciso di vietarne l’accesso fino a data da stabilirsi per cercare di ripristinare un po’ l’ecosistema. Se progettate una visita informatevi bene, quindi, prima di partire perché potrebbe essere che non vi possiate neanche avvicinare.

9a148f45efad73314415e38f2fadfa8d

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (3 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...
Nessun commento su Phi Phi Islands: escursione a Maya Bay, Bamboo Island e Mosquito Island

Phi Phi Islands: La mia esperienza allo Zeavola Resort & Spa

E’ lunedì mattina, ci sono già 30 gradi all’ombra e io sto lavorando. Partendo dal presupposto che lavorare in estate dovrebbe essere vietato per legge, non posso però far altro…

E’ lunedì mattina, ci sono già 30 gradi all’ombra e io sto lavorando. Partendo dal presupposto che lavorare in estate dovrebbe essere vietato per legge, non posso però far altro che lamentarmi visto che le bollette son lì che mi guardano e mi ricordano che, purtroppo, in ufficio ci devo andare anche d’estate quando ci si scioglie già solo respirando. Ed è proprio mentre stavo cercando di scollare le gambe dalla sedia che mi è venuta in mente, fulminea e tentatrice, l’immagine di me su una spiaggia bianchissima mentre sorseggio un cocktail con tanto di ombrellino colorato all’ombra di una palma. E riesco ad immaginarmela così vividamente perché questo paradiso esiste e ci sono stata davvero l’anno scorso. Si tratta delle Phi Phi Islands, precisamente di Ko Phi Phi Don.  Ma andiamo con ordine.

Zeavola Resort Phi Phi Islands

Phi Phi Islands: Ko Phi Phi Don e Ko Phi Phi Leh

Spesso parlando di questo angolo di paradiso nel Sud della Thailandia, lo si fa erroneamente al singolare. In realtà le isole sono due: Ko Phi Phi Don e Ko Phi Phi Leh. La prima, la più grande, è l’isola di approdo di ogni viaggiatore ed è anche quella in cui si trovano le strutture turistiche. Offre un’ampia scelta in fatto di resorts, guesthouses, ristoranti, locali e negozi. Il Ton Sai Village è sicuramente il centro nevralgico delle attività dell’isola, nonché il cuore pulsante della movida notturna. Oltre agli sfrenati ed esotici beach parties che richiamano turisti da ogni dove, il Ton Sai Village è caratteristico perché in realtà altro non è che un lungo lembo di sabbia che collega le due baie dell’isola: Ao Ton Sai, a sud, e Ao Loh Dalum, a nord. Se volete ammirare dall’alto la simmetria perfetta di queste due baie e la striscia di sabbia bianca che le collega, potete farlo dal Ko Phi Phi Viewpoint – il punto panoramico – che si trova a circa 170 m d’altezza e si raggiunge con una passeggiata di una mezz’oretta. Per accedervi bisogna pagare una tariffa d’ingresso di circa 30 bath che, solitamente, comprende anche una bottiglietta d’acqua indispensabile se vi volete cimentare nella scalata sotto il sole cocente.

Phi Phi Viewpoint

La seconda isola invece, più piccola, è un parco marino nazionale tutelato dal governo thailandese divenuta famosa con il film The Beach. Avete presente quando Di Caprio si diverte a fare il ribelle in quel luogo paradisiaco circondato da palme e lagune blu? Ecco si tratta proprio di Maya Bay, una delle spiagge di Koh Phi Phi Leh, considerata da molti il prototipo della spiaggia tropicale che ognuno di noi si immagina. La si raggiunge solo in barca, con le gite giornaliere o con le longtail boats.

Dove dormire a Ko Phi Phi Doh

Prima di partire ovviamente mi sono documentata parecchio per capire quale delle straordinarie località di mare thailandesi potesse fare al caso nostro. Considerando che saremmo stati reduci da un bel giro, che da Bangkok ci avrebbe portati su su fino a Chiang Rai, la parte più settentrionale della Thailandia, eravamo in cerca di pace e relax per concludere al meglio la nostra vacanza. L’immagine delle spiagge bianchissime, della natura rigogliosa e delle calde e cristalline acque del Mar delle Andamane sommata all’idea di essere su una piccola isola raggiungibile solo in barca ci hanno attratto come una calamita e ci hanno fatto scegliere le Phi Phi Islands. Durante la ricerca, però, mi sono imbattuta inevitabilmente in tantissime recensioni e opinioni e devo dire che quelle sulle Phi Phi Islands non erano entusiasmanti. Anzi. Dopo il catastrofico tsunami del 2004 che ha colpito pesantemente le isole Phi Phi, gran parte delle strutture infatti sono state ricostruite e, purtroppo, ne sono state aggiunte anche molte di nuove che hanno invaso gran parte degli spazi, snaturando un po’ il paesaggio. Questa era l’opinione più diffusa che ho trovato in rete. Ma non è così, ve l’assicuro. I gusti sono sempre personali e variano da persona a persona ma, con un po’ d’accortezza, si riescono ancora a trovare posti incontaminati e bellissimi anche a Ko Phi Phi Doh.

Phi Phi Islands

L’isola, infatti, continua a mantenere la sua magia anche perché, non essendoci strade, ci si sposta solo in barca o a piedi. E questo fa veramente la differenza perché permette di staccare completamente la spina e lasciarsi andare a ritmi più tranquilli e spensierati. Il mio consiglio, in ogni caso, è quello di fermarsi e soggiornare sull’isola per almeno 4 giorni. Ci sono anche tante gite mordi e fuggi, come le chiamo io, che permettono partendo da Phuket o Krabi, di visitare le Phi Phi in una sola giornata. Ma non ne vale la pena. Al di là dei costi abbastanza elevati, non riuscireste a vedere niente perché rimarreste bloccati nel Ton Sai Village, il posto più turistico e meno caratteristico, perdendovi così la possibilità di esplorare le spiagge più belle e, soprattutto, di passare una notte a mangiare pesce fresco in riva al mare illuminati solo dalla luce della luna e delle candele. L’isola, anche se piccola in dimensioni, offre veramente un’ampia scelta di alloggi per tutti i gusti e per tutte le tasche. Si va dagli hotel in pieno “centro” in cui godere appieno della movida notturna a quelli invece più isolati, immersi nella natura e in cui ci si sente davvero in paradiso. Indovinate un po’ quale tipologia ho scelto? Come detto, noi eravamo in cerca di spensieratezza e della più totale pace dei sensi. Abbiamo così optato per la costa nord – orientale dell’isola, più appartata e ancora abbastanza incontaminata. In particolare abbiamo scelto lo Zeavola Resort & Spa. E non avremmo potuto desiderare di meglio. Continuate a leggere per scoprire perché.

Zeavola Resort & Spa: la mia esperienza

Avete presente le immagini di quei resort da sogno, direttamente sulla spiaggia con vista mozzafiato sul mare, circondati da palme, alberi tropicali e uccellini multicolore che ti svegliano la mattina? Quelli in cui arrivate e dite  “se è un sogno, vi prego, non svegliatemi” e “lasciatemi qui”?. Ecco questo è lo Zeavola. Ci si arriva solo in barca, per la precisione con la loro barca privata che vi accoglie direttamente allo Yacht Club di Phuket con tanto di aperitivo offerto e, diciamocelo, già questo fa sentire very important people per almeno quei 10 minuti di gloria.  Appena arrivati, ho perso infatti in un lampo tutto il mio aplomb da diva mancata quando ho rischiato di fare il primo bagno completamente vestita cercando, molto goffamente, di saltare dalla barca al trattore che ci avrebbe portati a riva. Un trattore sì, perché a causa delle maree, in certi orari è impossibile avvicinarsi troppo e quindi, passeggeri e valigie, vengono trasportati così sulla spiaggia. Da quando abbiamo messo il primo piede sulla terra ferma, è stato un susseguirsi di “oh” e “wow” per tutto il resto del soggiorno. E’ un resort eco-sostenibile in totale armonia con l’ambiente che lo circonda. Tanto che dalla spiaggia neanche si vede.

Phi Phi Islands Zeavola Resort

Le sistemazioni sono infatti suite in legno in tipico stile thai, che si mimetizzano completamente tra le profumatissime piante esotiche che ricoprono tutti i 4 ettari del resort. E la cosa migliore è che i sentieri che portano alle varie suite sono di finissima sabbia bianca. Le infradito e qualsiasi altro tipo di scarpe, neanche a dirlo,  sono rimaste accuratamente chiuse in valigia per tutta la permanenza. Camminare scalzi sulla sabbia soffice 24 ore su 24 non ha veramente prezzo. Credo sia la cosa che ho apprezzato maggiormente insieme alle attenzioni di tutto lo staff che riesce veramente a farti sentire coccolato e speciale. Noi li chiamavamo “le fatine” perché sapevamo che c’erano ma erano così discreti che neanche ce ne accorgevamo. Ogni sera, poi, dopo una giornata di mare e relax, trovavamo in camera qualche sorpresa ad attenderci: piccoli pensieri e souvenir che hanno reso l’esperienza ancora più esclusiva e magica. Le camere, poi, sono eccezionali. Non a caso, è una location anche per i matrimoni. E, a questo proposito, un’iniziativa che ho trovato bellissima è quella di piantare una palma ad ogni nuova unione corredata dalla data e dai nomi. Estremamente romantica e anche eco-friendly.

Le attività a disposizione sono diverse: dalla spiaggia privata, alla piscina, dal centro immersioni alle escursioni organizzate. Noi ci siamo concessi un piccolo lusso: un’esperienza che si chiama “One day in Paradise” e che è la quintessenza del romanticismo e del relax. In pratica, consiste in una romantica gita a due su una longtail boat e di un pic-nic con tanto di cestino contenente tutte le migliori prelibatezze del cibo thai da fare su un’isoletta semi-deserta. Una volta rientrati vi aspetta un massaggio di coppia nella splendida spa dell’hotel (nel caso di Francesco non è stato molto romantico visto che si era ustionato a tal punto da essere più rosso di un’aragosta e il suo trattamento è consistito nell’essere completamente ricoperto da un gel verde all’aloe che lo rendeva molto poco sexy). Per concludere, poi, troverete ad attendervi una cena a lume di candela sulla spiaggia in un tavolo appartato. Cosa si può volere di più?

Phi Phi Islands

A proposito di cene, l’hotel ha due ristoranti, uno principalmente per la colazione e uno per la cena. Potete comunque ordinare cocktails e cibo a qualsiasi ora del giorno e della notte, anche direttamente dal lettino in spiaggia. Noi abbiamo prenotato dall’Italia la mezza pensione, cosa che vi consiglio vivamente di fare per tre motivi. Il primo è che, di sera, più di tanto siete limitati perché i locali non sono molti e per spostarsi bisogna per forza prendere la barca. Il secondo è che il cibo allo Zeavola è veramente eccezionale. Noi ci siamo abbuffati come non ci fosse un domani. Mi viene ancora l’acquolina ripensando al barbeque di pesce freschissimo che hanno fatto una sera. Oltre all’indubbia qualità del cibo, il ristorante è ottimo anche perché c’è sempre musica dal vivo e la posizione, direttamente sulla spiaggia a pochi passi dal mare, è davvero impagabile. Il terzo e ultimo motivo per prenotare la mezza pensione dall’Italia è che vi costerà molto meno. Il menù è sempre à la carte quindi sarete voi a scegliere cosa mangiare ma, non prenotando prima la cena, il costo delle singole porzioni è più elevato.

Come potete immaginare è stata un’esperienza da sogno, un susseguirsi di emozioni e stupore che ci hanno accompagnati per tutta la nostra settimana di permanenza. Un posto magico ed estremamente romantico che, secondo me, merita di essere conosciuto per il grande impegno che i gestori mettono per renderlo il più possibile rispettoso dell’ambiente e della natura. Cosa non scontata oggi alle Phi Phi, che a causa del turismo di massa e dell’urbanizzazione senza freni post – tsunami, stanno soffrendo e perdendo un po’ della loro essenza magica. Ecco perché realtà piccole e corrette come questa dovrebbero essere preferite ai grandi resort in cemento che avranno anche costi minori per noi, ma altissimi per l’ambiente.

Zeavola Resort Phi Phi Islands Sunset

Note

Ho scelto di scrivere liberamente questa recensione sullo Zeavola Resort & Spa. Non è quindi frutto di alcuna sponsorizzazione e deriva solo dalla profonda ammirazione che nutro per il lavoro che il personale di questo resort svolge egregiamente e dal ricordo dei bellissimi giorni che ho passato.

Le foto degli interni dell’hotel le ho prese direttamente dal sito di Zeavola Resort & Spa e sono quindi di sua proprietà.

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (3 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...
Nessun commento su Phi Phi Islands: La mia esperienza allo Zeavola Resort & Spa

Type on the field below and hit Enter/Return to search